Ponte di Nona, pitbull aggredisce padre e figlio: dieci giorni di prognosi a entrambi

0

Codacons chiede il patentino obbligatorio per chi possiede razze come i pitbull o i rottweiler, unica via secondo l’accociazione per prevenire aggressioni rot

(MeridianaNotizie) Roma, 21 ottobre 2013 – Momenti di panico ieri a Ponte di Nona in via Caltagirone per un 38enne di nazionalità marocchina e la figlia di quasi 2 anni. I due si sono scontrati, infatti, con due pitbull senza guinzaglio e senza museruola che si sono scagliati contro i due malcapitati. L’uomo ha riportato delle ferite alle braccia nel tentativo di proteggere la bambina mentre quest’ultima è stata morsa ad una gamba da uno dei due cani. Nel frattempo è arrivata la proprietaria dei cani che se li è ripresi andandosene via senza verificare quanto accaduto. I due feriti sono stati medicati all’Umberto I. La bimba ha avuto 10 giorni di prognosi, il padre 7 giorni. I carabinieri, informati del fatto, hanno fatto partire le indagini. La proprietaria è abbastanza conosciuta in zona e stamattina i carabinieri della stazione Settecamini hanno fatto un servizio di appostamento denunciando la donna per omessa custodia e malgoverno di animali.

Sulla vicenda interviene il Codacons che denuncia: “Per il Codacons questa ennesima grave aggressione da parte di cani pitbull dimostra che non è affatto vero che tutti i cani sono ugualmente pericolosi. Solo cani come pitbull e rottweiler, infatti, producono lesioni così gravi da dover determinare il ricorso ad un ospedale, non certo i cocker”. Così il Codacons in una nota: “Ecco perché il Codacons chiede il patentino obbligatorio per chi possiede razze come i pitbull o i rottweiler, unica via per prevenire aggressioni. E’ evidente che chi possiede questi cani particolarmente potenti e robusti, con una presa incredibilmente salda, deve dimostrare di essere capace di addestrarlo e addomesticarlo. Inoltre aver eliminato la lista delle 17 razze potenzialmente più pericolose fatte dall’allora ministro Sirchia ha determinato la fine di tutti gli obblighi collegati, da quello di condurre nei luoghi aperti al pubblico i cani inseriti nell’elenco sia con il guinzaglio che con la museruola a quello di stipulare una polizza di assicurazione di responsabilità civile per danni contro terzi. L’ordinanza attualmente in vigore, infatti, prevede questi obblighi solo per i cani che hanno già mostrato aggressività, ossia dopo che hanno già morsicato e, quindi, quando è ormai troppo tardi. Per il Codacons, insomma, è ora di superare la tesi del sottosegretario alla Salute Francesca Martini che, nel 2009, eliminò l’elenco delle razze sulla base del presupposto, per usare le sue parole, che ‘anche un barboncino può mordere’. Vero! Peccato che nessun barboncino abbia mai ucciso qualcuno, mentre i pitbull ed i rottweiler si. Ogni anno ci sono in Italia 70.000 morsicature, pari a 192 al giorno. Che un cane morda l’uomo, dunque, è nell’ordine delle cose. Ma solo cani come i rottweiler ed i pitbull producono lesioni così gravi da ridurti in fin di vita. Da qui la richiesta di un patentino obbligatorio“.

Altre news su Cronaca:

Milano, macchina uccide donna incinta e il suo bambino di quattro anni

Tra Subiaco e Gerano scoperte centrali dello spaccio, sequestrata “maria” e fumo

Due imprenditori in manette ad Alatri, “svuotano” aziende per non pagare tasse

Print Friendly, PDF & Email
Share.

Comments are closed.