Rifiuti, Pdl e M5S contro la discarica a Bracciano: Zingaretti e Civita hanno mentito

2

Oggi il Consiglio Regionale del Lazio, riunitosi anche se in assenza del Presidente Nicola Zingaretti, non poteva che portare sul tavolo la questione discarica. Indignazione, sconcerto e rabbia è quello che ne è uscito, rabbia per una decisione che travalica le istituzioni, la commissione ambiente e il consiglio stesso.

(MeridianaNotizie) Roma, 2 ottobre 2013 – Ventimila tonnellate di rifiuti trattati di Roma, Fiumicino, Ciampino e Città del Vaticano saranno portati nella discarica di Cupinoro a Bracciano fino al 31 dicembre 2013. Lo dispone il decreto del commissario ai rifiuti Goffredo Sottile. Per il conferimento dei rifiuti sarà corrisposto alla società Bracciano Ambiente, che gestisce la discarica, il prezzo di 60 euro a tonnellata. Costerà poco più di 83 euro a tonnellata il trasporto della parte di rifiuti trattati di Roma, Fiumicino, Ciampino e Città del Vaticano nella discarica di Cupinoro a Bracciano.

Questa la decisione che ha sorpreso tutti nel tardo pomeriggio di ieri. Oggi il Consiglio Regionale del Lazio, riunitosi anche se in assenza del Presidente Nicola Zingaretti, non poteva che portare sul tavolo la questione discarica. Indignazione, sconcerto e rabbia è quello che ne è uscito, rabbia per una decisione che travalica le istituzioni, la commissione ambiente e il consiglio stesso. sottile e civita

Rifiuti, Aurigemma: Zingaretti e Civita prendono in giro consiglio e cittadini – “Il presidente Zingaretti e l’assessore Civita hanno calpestato i più elementari principi di democrazia venendo in aula per ben tre volte a prendere in giro non solo i consiglieri regionali, al di là del colore politico, ma anche tutti i cittadini che li hanno eletti. Dalle agenzie stampa veniamo a sapere infatti che il piano rifiuti è stato completamente stravolto e che i rifiuti verranno trasferiti a Bracciano. Basta con le prese in giro nei confronti del consiglio e dei cittadini, è necessario maggior rispetto delle istituzioni. Dall’amministrazione regionale arriva l’ennesima bugia e l’ennesimo comportamento contraddittorio sulla vicenda rifiuti”
Lo dichiara, in una nota, il consigliere Pdl alla regione Lazio Antonello Aurigemma.

Rifiuti, Gramazio (Pdl): “basta menzogne, civita si deve dimettere” – “Abbiamo chiesto la sospensione dei lavori d’aula dopo l’ennesima bugia dell’assessore Civita. Per mesi, il Presidente Zingaretti e l’assessore hanno più volte escluso la possibilità che i rifiuti della Capitale fossero trasferiti in Provincia di Roma. E poi, solo tramite agenzie stampa, spunta il sito di Bracciano. Dopo l’ennesima menzogna nei confronti dei consiglieri e dei cittadini, abbiamo chiesto l’interruzione dei lavori. Civita venga in aula e, per dignità, farebbe bene a presentare le sue dimissioni da assessore. Basta con le prese in giro”. Lo dichiara, in una nota, il capogruppo Pdl alla regione Lazio Luca Gramazio.

Rifiuti, Storace: “bugie vengono a galla” – Discuti per mesi sui rifiuti a Malagrotta o Falcognana, e poi scopri improvvisamente che si scaricano a Bracciano. Le bugie vengono a galla”. Così Francesco Storace, vicepresidente Consiglio regionale del Lazio, in un tweet.

Rifiuti, Santori (La Destra): “metodo omertoso merita indignazione di tutti” – “Il comportamento della giunta Zingaretti deve far riflettere e voglio fare un appello al senso di responsabilità di questa maggioranza, esortandola ad uno scatto di orgoglio perché appare ormai tristemente evidente a tutti come sia le commissioni che il consiglio Regionale vengano continuamente calpestati ed esautorati dai propri poteri e responsabilità, da un metodo imposto dal presidente Zingaretti e dal sindaco Marino fatto di menzogne ed omertà. Attendiamo ora che il presidente Zingaretti venga a riferire in consiglio sulla scelta della nuova discarica di Cupinoro a Bracciano, e, soprattutto, l’immediato ritiro delle deleghe sui rifiuti all’assessore Civita”. Così, il consigliere regionale de La Destra Fabrizio Santori, membro della commissione Ambiente e Rifiuti della Regione Lazio.

Rifiuti, Sbardella (lb): “siamo alla farsa, da Zingaretti scorrettezza grave” – “Siamo alla farsa. Il presidente Zingaretti e l’assessore Civita senza alcun rispetto per il ruolo del consiglio regionale e, soprattutto, per i cittadini, sul tema della futura discarica se la cantano e se la suonano da soli. E questo è inammissibile. Come si spiega che fino a ieri questo governo regionale insisteva su Falcognana come unica soluzione possibile e adesso, tout court, non lo è più? Improvvisamente, dal magico cilindro del governatore Zingaretti esce fuori il sito di Cupinoro e Falcognana viene accantonata. Ma stiamo scherzando? Quella del presidente è una scorrettezza grave, che sta a dimostrare la sua inaffidabilità”. Lo dichiara, in una nota, il capogruppo della Lista Civica Bongiorno in consiglio regionale del Lazio, Pietro Sbardella.

Rifiuti, M5S: “Zingaretti e Civita hanno mentito” – Si avvicendano in aula gli interventi sulla questione rifiuti: I consiglieri regionali del M5S continuano a denunciare ‘le bugie’ del governatore del Lazio e chiedono la sospensione dei lavori: il consigliere Devid Porrello ha dichiarato che: 2Bracciano è stata abbandonata da Zingaretti e dalla Giunta. Assessore, governatore e commissario ci hanno mentito, questo non è concepibile. Si sospenda la seduta fino all’arrivo di Zingaretti e Civita”. Valentina Corrado ha rivolto un ringraziamento sarcastico a “Civita e Zingaretti per le bugie che ci hanno detto. Abbiamo fatto 13 ore di consiglio, un’audizione ma dobbiamo scoprire dalla stampa che è stato deciso un altro sito”. L’assessore ed il presidente della Regione rappresentano, secondo Corrado, delle “minacce per la democrazia, devono dimettersi. Si ritiri la delega all’assessore Civita, ennesima vergogna della giunta Zingaretti e di un assessorato all’ambiente che è targato Cerroni”. Ha continuato l’invettiva Silvia Blasi: “I cittadini di Falcognana e Bracciano sono stati presi in giro da Zingaretti e da tutta la giunta. Le commissioni dimostrano di non servire a nulla”. Ed infine, Silvana Denicolò: “Il consiglio è esautorato. Decisioni del consiglio non prese da eletti ma dalla giunta, luogo contrassegnato da incompetenza. Noi qui siamo ridotti a dare la fiducia a chi non la merita affatto”.

Altre videonews di Lazio Regione

Barillari (M5s Lazio) sveglia i suoi: dalla base poche proposte ai consiglieri

VIDEO > 36 anni fa moriva Walter Rossi, Roma lo ricorda

Print Friendly, PDF & Email
Share.