RoDyMan maestro pizzaiolo, il primo robot esperto in cucina

1

Nei prossimi cinque anni la sfida di RoDyMan è fare pizze, promette Siciliano. E alla domanda se saranno buone come quelle dei pizzaioli napoletani: «È quasi impossibile! Però coinvolgeremo uno dei migliori pizzaioli della città per imparare direttamente da lui l’arte di questi abilissimi movimenti.

(MeridianaNotizie) Roma, 29 ottobre 2013 – Un robot in grado di impastare, stendere, condire e cuocere una pizza secondo la vera tradizione napoletana. Il progetto non poteva che partire da Napoli, patria della pizza, e il futuro di RoDyMan, questo il nome del robot pizzaiolo, appare decisamente promettente visto che potrebbe essere applicato dall’assistenza agli anziani alla riparazione di arti umani. Il progetto è di Bruno Siciliano, napoletano, esperto di robotica e a capo del laboratorio di Robotica noto in tutto il mondo ‘Prisma Lab.’  A pizza is removed from a wood-burning oven during a protest to demand stricter price controls on the rising cost of pizza in Naples August 27, 2008. "Pizzaioli" or pizza chefs in Naples, birthplace of the Margherita, handed out free pizzas on Wednesday in protest at high prices charged by rivals who, they say, use the spike in commodity prices to rip off consumers. In the city where the classic "Margherita" with mozzarella, tomato and basil topping was invented in the 19th century - and named in honour of a queen with a taste for fast food - 30 cooks lit up six wood-burning ovens to cook 5,000 thin-crusted Neapolitan pizzas for queues of local people and tourists.  REUTERS/Ciro De Luca/Agnfoto (ITALY)

«RoDyMan, acronimo di Robotic Dynamic Manipulation, manipolazione robotica dinamica, è un robot di servizio che sarà in grado di replicare attività umane con un livello di destrezza e mobilità mai visto prima – ha spiegato il professor Siciliano in occasione della Giornata informativa del Consiglio Europeo della Ricerca in corso a Napoli – Finora la manipolazione di oggetti non rigidi e deformabili, come cibo e abiti nella vita di tutti i giorni, oppure tessuti molli come i muscoli e la pelle negli interventi chirurgici, non è stata studiata in modo approfondito e rappresenta una sfida per il settore della robotica». RoDyMan avrà un torso, due braccia leggere e mani con dita multiple. Privo di gambe, sarà invece montato su una piattaforma omnidirezionale su ruote. Il capo sarà dotato di videocamera stereoscopica e di un sistema strutturato di luci. Avrà sensori di prossimità e di campo e sensori tattili.

«L’interazione con gli umani è al centro del progetto. Per questo la sicurezza è un aspetto fondamentale del nuovo sistema – afferma Siciliano – Questo robot autonomo deve essere in grado di controllare il flusso degli eventi in una data attività, reagire e imparare dall’ambiente circostante. Sarà in grado di affrontare rapidamente situazioni inaspettate, come la presenza di umani o di ostacoli». Nei prossimi cinque anni la sfida di RoDyMan è fare pizze, promette Siciliano. E alla domanda se saranno buone come quelle dei pizzaioli napoletani: «È quasi impossibile! Però coinvolgeremo uno dei migliori pizzaioli della città per imparare direttamente da lui l’arte di questi abilissimi movimenti. Come? Gli faremo indossare una tuta biocinetica dotata di sensori e di un sistema di cattura del movimento 3D».

Altre videonews di Cronaca

Prati, aggrediscono coppia e fuggono: fermati per l’alta velocità

Datagate, chiavette Usb truccate per spiare l’Europa: i gadget sovietivi al G20

VIDEO > Camorra, joint-venture tra Roma e Caserta. 15 in manette e 30 mln sequestrati

Print Friendly, PDF & Email
Share.