Roma, sequestravano minorenni in fuga dall’Egitto: arrestati due connazionali

3

La banda di malviventi avrebbe rilasciato i due ostaggi solo previo pagamento, da parte dei genitori in Egitto, di 5mila euro per ogni persona rilasciata, da corrispondere mediante bonifico bancarioegiziani due

(MeridianaNotizie) Roma, 2 ottobre 2013 – Facevano emigrare profughi clandestini egiziani e una volta arrivati in Sicilia venivano trattenuti e rilasciati solo dietro il compenso corrisposto dai parenti rimasti in patria. I Carabinieri della Compagnia di Roma Casilina hanno scoperto la  piccola organizzazione che aveva base a Roma, composta da due cittadini nordafricani di 24 e 34 anni. Le indagini dei militari dell’Arma sono iniziate dalla denuncia di un cittadino egiziano che si è rivolto ai Carabinieri della Stazione di Milano Porta Genova, riferendo che due suoi connazionali, di 16 e 17 anni, sbarcati clandestinamente a Catania nelle settimane precedenti, si trovavano a Roma trattenuti da due egiziani all’interno di un’abitazione sconosciuta.

La banda di malviventi avrebbe rilasciato i due ostaggi solo previo pagamento, da parte dei genitori in Egitto, di 5mila euro per ogni persona rilasciata, da corrispondere mediante bonifico bancario internazionale le cui coordinate bancarie del conto corrente sarebbero state comunicate ai genitori dei due minori in Egitto, con un SMS. A quel punto la segnalazione è passata ai Carabinieri di Roma che hanno avviato le ricerche. La Stazione Carabinieri di Roma Quadraro e i militari del Nucleo Operativo di Roma Casilina hanno passato al setaccio intere palazzine e, finalmente, sono arrivati in via dei Sulpici. Lì, all’interno di una stanza chiusa a chiave, hanno trovato i due ragazzini che sono stati finalmente salvati ed accompagnati al sicuro, in caserma. Perquisito l’intero appartamento, i militari hanno scoperto numerosi titoli di viaggio, biglietti ferroviari della tratta Messina – Catania, passaporti, permessi di soggiorno e diversi cellulari che sono stati sequestrati.

La ricostruzione della drammatica vicenda ha permesso di individuare i sequestratori. Dopo serrate indagini durate tre giorni con servizi di osservazione, pedinamento e controllo, il 34enne, H.A. egiziano ma residente a Roma da diversi anni, nonché capo dell’organizzazione e il 24enne, S.F. anche lui egiziano e in Italia da poco tempo, sono stati arrestati. I due malviventi, accusati di sequestro di persona a scopo di estorsione e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, sono stati tradotti presso il carcere di Regina Coeli, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. I due minori, invece, sono stati affidati ad un centro di prima accoglienza. Sarà oggetto di successive indagini la ricostruzione del percorso intrapreso dai due minori prima di giungere alla Capitale.

Altre videonews su Cronaca:

Print Friendly, PDF & Email
Share.