Tragedia Lampedusa, sit-in dei rifugiati al Campidoglio: cittadinanza alla nascita non alla morte

2

“Siamo qui – spiegano – per chiedere che venga rivista la legge sull’immigrazione, che venga creato un corridoio umanitario per permettere ai migranti bloccatiin ‘paesi terzi’ di giungere legalmente in Europa, e infine che venga rafforzata la politica di accoglienza europea”.

(MeridianaNotizie) Roma, 10 ottobre 2013 – “La cittadinanza alla nascita non alla morte”, “Quanti altri morti per cambiare la legge…?”, “Dignita’ alle nostre esistenza”, “Siamo morti per un sogno che non si avvera”. Questi gli striscioni esposti dai giovani eritrei che stanno partecipando al sit-in organizzato in piazza del Campidoglio da EYSNS Italy (Eritrean Youth Solidarity for National Salvation Italy) dopo le vittime di Lampedusa. cimitero lampedusa

“Siamo qui – spiegano – per chiedere che venga rivista la legge sull’immigrazione, che venga creato un corridoio umanitario per permettere ai migranti bloccatiin ‘paesi terzi’ di giungere legalmente in Europa, e infine che venga rafforzata la politica di accoglienza europea”. “Quella di Lampedusa – concludono – era una tragedia annunciata”.

Altre videonews di Cronaca

‘Ndrangheta, sequestrati beni per 1,5 milioni a cosca Fiarè – Razionale. Il boss è latitante

Arrestato da Shila, un pastore tedesco trova il ladro nascosto in un chiosco-bar

Pensionata coltivava marijuana in giardino, arrestata insospettabile 68enne

Print Friendly, PDF & Email
Share.