Tumori al seno, al Gemelli “Bra-Day” giornata sulla ricostruzione mammaria

2

La cura delle neoplasie mammarie è oggi sempre più orientata verso interventi meno demolitivi del seno. Questo avanzamento tecnico, associato alle evoluzioni tecnologiche, permette di ottenere ricostruzioni mammarie che rispondono sempre più a criteri estetici

(MeridianaNotizei) Roma, 14 ottobre 2013 –  “Mercoledì 16 ottobre è il Breast Reconstruction Awareness – BRA Day, la Giornata internazionale per la Consapevolezza sulla Ricostruzione Mammaria: in tutto il mondo e in molte città d’Italia si svolgeranno iniziative di sensibilizzazione volte a informare sulle tecniche di ricostruzione della mammella dopo la malattia oncologica e a consentire alle donne che ne sono colpite una maggiore consapevolezza del percorso terapeutico, clinico e psicologico. Il Policlinico universitario A. Gemelli, per iniziativa del dipartimento di Scienze chirurgiche, diretto da Giovanni Battista Doglietto, e del centro di Senologia, diretto da Riccardo Masetti, in collaborazione con Susan G. Komen Italia Onlus, per la lotta ai tumori del seno è in prima fila per celebrare la Giornata promossa da Beautiful ABC, fondazione onlus europea con un pomeriggio dove pazienti, medici e operatori sanitari condivideranno e racconteranno le loro esperienze vissute nella fasi della malattia, della cura, della guarigione e del ritorno a una vita piena. L’appuntamento è per le ore 16.00 presso l’aula 810 del Policlinico Gemelli”. Lo comunica in una nota il policlinico Gemelli. lotta-tumori1

“Interverranno – prosegue la nota – dopo l’indirizzo di benvenuto del direttore del Policlinico Gemelli Maurizio Guizzardi, Giovanni Scambia, direttore del Dipartimento per la tutela della salute della donna, della vita nascente del bambino e dell’adolescente, Riccardo Masetti e Marzia Salgarello, ricercatore dell’Unità di Chirurgia plastica del Gemelli, Valerio Cervelli, direttore dell’Unità di Chirurgia plastica dell’ospedale Casilino di Roma, Marinella Linardos e Rosella Venturini, rispettivamente psiconcologa e coordinatrice infermieristica del centro di Senologia del Gemelli, e la testimonianza della giornalista Donatella Gimigliano. L’evento inizierà con la proiezione del cortometraggio Insieme, per la regia di Anna Maria Liguori, presentato alla Mostra del Cinema di Venezia 2013, introdotto da Giovanni Rosti, direttore del dipartimento di Oncologia dell’ospedale Ca’ Foncello di Treviso”.

“La cura delle neoplasie mammarie è oggi sempre più orientata verso interventi meno demolitivi del seno. Questo avanzamento tecnico, associato alle evoluzioni tecnologiche, permette di ottenere ricostruzioni mammarie che rispondono sempre più a criteri estetici – dichiara nella nota il chirurgo plastica e ricostruttivo del Gemelli Marzia Salgarello, tra le organizzatrici di BRA Day – la ricostruzione mammaria è divenuta oggi parte integrante della cura delle neoplasie mammarie. È ampiamente dimostrato che ha un effetto positivo sulla qualità di vita delle donne che la effettuano, e può essere offerta a tutte le donne ammalate di tumore al seno, anche se attualmente solo una piccola percentuale di donne sottoposte a mastectomia si sottopone alla ricostruzione. Un problema connesso alla ricostruzione del seno – continua Salgarello – è l’accesso alle informazioni sulla ricostruzione stessa; per incrementare il numero delle ricostruzioni è fondamentale che a tutte le donne malate di tumore al seno siano garantite le informazioni sulle possibili opzioni della chirurgia ricostruttiva prima del trattamento chirurgico di mastectomia”. “Nel policlinico universitario Agostino Gemelli di Roma – si legge ancora nella nota – a fronte di un’intensa collaborazione tra la Unità operativa di Chirurgia plastica e il centro di Senologia diretto dal professore Riccardo Masetti, sono offerte le diverse possibilità ricostruttive a tutte le pazienti che si rivolgono all’ospedale: si effettuano ogni anno più di 100 ricostruzioni mammarie a seguito di mastectomia, includendo le ricostruzioni mammarie immediate (che vengono effettuate in collaborazione con il centro di Senologia) e le ricostruzioni differite (che sono effettuate presso l’unità operativa di Chirurgia plastica), avvalendosi sia dell’uso di protesi che dei tessuti autologhi. Si effettuano inoltre oltre 50 refinements estetici tra innesti adiposi e ricostruzioni del complesso areola-capezzolo”.

Altre videonews di Cronaca

“Coltiva” l’arte e mettila da parte: a Pignataro gli agricoltori distruggono pezzi archeologici

VIDEO > Vigili urbani, neanche Clemente piace ai sindacati. Nuovo ricorso al Tar

VIDEO > Duro colpo a clan della Sacra corona unita: arrestati 18 affiliati nell’ «Operazione Zero»

Print Friendly, PDF & Email
Share.