Uruguay terra di libertà, Mujica dopo aborto e matrimoni gay legalizza la marijuana

0

Questo è il modo che il presidente della Repubblica Josè Mujica ha scelto per fermare i narcos. La legge già approvata dalla Camera e in mujica maria discussione al Senato

(MeridianaNotizie) Roma, 24 ottobre 2013 – Lo Stato dell’Uruguay produrrà e venderà direttamente marijuana diventando il primo paese al mondo ad autorizzare e applicare regole per la produzione, la distribuzione e la vendita di droghe leggere. Questo è il modo che il presidente della Repubblica Josè Mujica ha scelto per fermare i narcos. La legge già approvata dalla Camera e in discussione al Senato. Una rivoluzione che – ha detto il presidente José Mujica parlando all’Onu – “vuole provare a strappare il mercato ai trafficanti” rendendo legale l’acquisto di modiche quantità e regolando la produzione che sarà affidata sia allo Stato che a singole persone o a cooperative di consumatori. Ieri il governo ha stabilito il prezzo di questa “Cannabis di Stato” che oscillerà intorno ad un dollaro al grammo.

In Uruguay si calcola che su un totale di 3 milioni e mezzo di abitanti circa 120 mila cittadini consumino marijuana almeno una o due volte all’anno. La marijuana legale dovrebbe diventare disponibile entro la seconda metà dell’anno prossimo ed avrà l’obiettivo di combattere il traffico illegale che proviene dal vicino Paraguay. Il Paraguay infatti è oggi il maggior produttore di cannabis in America Latina ed esporta grandi quantità di marijuana essiccata che costituisce la base del rifornimento illegale.

Nei mass media l’Uruguay è già diventato “l’Olanda del Sudamerica” ma quello della legalizzazione delle droghe leggere non è, per ora, un progetto facile per “Pepe“, il nickname con il quale è popolarmente conosciuto José Mujica, presidente dal 2010. Un sondaggio recente ha fissato nel 62% il numero di uruguayani contrari alla legge sulla marijuana e la sua approvazione in prima istanza nel Congresso ha sollevato l’ostilità di Chiesa e opposizione. E non è l’unica legge contestata nell’Uruguay che “Pepe” ha trasformato in un laboratorio politico sui diritti civili in America Latina. Prima c’è stata la legalizzazione dell’aborto (libero nelle prime 12 settimane), quella dei matrimoni gay e, ultima, la legge sulla donazione degli organi che la prevede in forma automatica a meno che non si firmi una dichiarazione per rifiutarla.

Altre news su Cronaca:

VIDEO > Muore Manolo Escobar, cantò “Porompompero”

VIDEO > Arriva “Io non sbando”, oltre 1000 studenti a lezione di sicurezza stradale

Print Friendly, PDF & Email
Share.

Comments are closed.