VIDEO > Allarme disoccupazione giovanile, raggiunto record storico +40%

1

Il triste primato riguarda i giovani compresi tra i 15 e i 24 anni e si riferisce ad agostoITALY ECONOMY

(MeridianaNotizie) Roma, 1 ottobre 2013 – 40,1%: il record storico è stato raggiunto da un tasso che dovrebbe abbassarsi per essere positivo, invece che migliorare. Si tratta della disoccupazione giovanile. Il triste primato riguarda i giovani compresi tra i 15 e i 24 anni e si riferisce ad agosto. La cifra è in aumento di 0,4 punti percentuali rispetto al mese precedente e di 5,5 punti nel confronto tendenziale. Lo rileva l’Istat che ha diffuso i dati provvisori di occupati e disoccupati. Tra i 15-24enni le persone in cerca di lavoro sono 667 mila e rappresentano l’11,1% della popolazione in questa fascia d’età. L’Istat rileva che ad agosto il tasso di disoccupazione si attesta al 12,2%, in aumento di 0,1 punti percentuali rispetto al mese precedente e di 1,5 punti nei dodici mesi.

Ad agosto il numero di disoccupati, pari a 3 milioni 127 mila, aumenta dell’1,4% rispetto al mese precedente (+42 mila) e del 14,5% su base annua (+395 mila). La disoccupazione non fa di certo differenze di genere: l’Istat rileva che ad agosto rispetto al mese precedente la disoccupazione cresce sia per la componente maschile (+1,7%) sia per quella femminile (+1,0%). Anche in termini tendenziali la disoccupazione cresce sia per gli uomini (+18,9%) sia per le donne (+9,4%). Il numero di inattivi, rileva ancora l’Istat, diminuisce nel confronto congiunturale per effetto del calo della componente femminile (-0,7%), mentre aumenta quella maschile (+0,4%). Anche su base annua si osserva una crescita dell’inattività tra gli uomini (+1,7%) e un calo tra le donne (-2,1%).

“Il dato sulla disoccupazione dell’Istat dà la misura di come la realtà cruda del Paese abbia bisogno di un sussulto di responsabilità da parte di ciascuno”, ha detto il leader Cisl, Raffaele Bonanni. “Il dato è anche il segno di tutto ciò che non va e che si deve correggere rimettendo a posto questo governo – aggiunge -, con una classe politica che collabori, altrimenti i dati sulla disoccupazione saranno ancora più pesanti”. Per il leader della Uil, Luigi Angeletti, “non ci sono scorciatoie: se bastasse una legge per far scendere la disoccupazione sarebbe tutto facile. E invece il problema è quello di far crescere le imprese riducendo le tasse. Ma questo viene continuamente rinviato da campagna elettorale a campagna elettorale. Nella prossima campagna elettorale ci verranno a dire che occorrerà una riforma fiscale”. I presidenti di Federconsumatori, Rosario Trefiletti, e di Adusbef, Elio Lannutti, commentando i dati provvisori dell’Istat , osservano: “La disoccupazione ad agosto sale al 12,2%, il livello più elevato dal primo trimestre 1977. Segna un nuovo record storico, inoltre, la disoccupazione giovanile, che tocca quota 40,1%. Dati che, in tutta la loro gravità, descrivono chiaramente la situazione di vero e proprio allarme in cui si trova il Paese”.

di Luisa Deiola

Altre videonews su Cronaca:

Smantellata organizzazione che regolarizzava extracomunitari, 7 arresti

Ti piace vincere facile? Gioca al “10 e lotto” ma senza pagare, truffa per 2mln di euro

Print Friendly, PDF & Email
Share.