VIDEO > Duro colpo a clan della Sacra corona unita: arrestati 18 affiliati nell’ «Operazione Zero»

1

I delitti, compiuti in provincia di Brindisi e in Montenegro, sono riconducibili principalmente a contrasti sorti all’interno della stessa organizzazione mafiosa tra le diverse fazioni della Sacra corona unita operanti nel brindisinosacra 2

(MeridianaNotizie) Roma, 14 ottobre 2013 – Sacra corona unita al setaccio: sono responsabili di dieci tra omicidi e tentati omicidi i 18 arrestati dagli agenti del commissariato di Mesagne e della Squadra mobile di Brindisi, al termine dell’operazione “Zero”. Gli indagati, tutti affiliati all’organizzazione criminale della Sacra corona unita, sono accusati di associazione mafiosa nonché di essere autori e mandanti di quattro omicidi portati a termine e sei tentati, commessi tra il 1997 e il 2010, tutti con l’aggravante dell’utilizzo di metodo e finalità mafiosi.

I delitti, compiuti in provincia di Brindisi e in Montenegro, sono riconducibili principalmente a contrasti sorti all’interno della stessa organizzazione mafiosa tra le diverse fazioni della Sacra corona unita operanti nel brindisino. L’attività degli investigatori, fatta di intercettazioni, appostamenti e pedinamenti, è iniziata nel 2012 e ha permesso di far luce sugli omicidi, in particolare su moventi, autori e mandanti. Le motivazioni per l’estrema punizione erano le più disparate: andavano dalla rappresaglia contro familiari di collaboratori di giustizia o nei confronti di confidenti delle forze dell’ordine alla vendetta per sgarbi subiti dai capi clan o per attività di spaccio iniziate in proprio, contravvenendo alle regole dell’organizzazione. Gli arresti sono stati eseguiti in collaborazione con alcuni reparti dei Carabinieri.

Il servizio di Luisa Deiola

Altre news su Cronaca:

VIDEO > Funerali Priebke, Cardinale Vallini: “proposta esequie private rifiutata da suo avvocato”

Albano, sesso e droga dietro ricatto: arrestati 35enne e tre prostitute

Droga, controlli nel viterbese. Spagnoli moldavi e romeni fermati per spaccio di stupefacenti

Print Friendly, PDF & Email
Share.