VIDEO > Sbarchi a Lampedusa, tragedia all’Isola dei Conigli. 85 morti e 250 dispersi

3

La tragedia è avvenuta nella zona tra la Tabaccara e l’Isola dei Conigli. A bordo del barcone sarebbe scoppiato un incendio, forse dovuto a un corto circuito. Decine e decine di profughi per il panico si sono gettati in acqua, raccontanto i sopravvissuti al naufragio accompagnati, ancora sotto choc, sulla terraferma a Lampedusa.

VIDEO > Tragedia a Lampedusa, 95 i morti e centinaia i dispersi in mare

(MeridianaNotizie) Roma, 3 ottobre 2013 – Un barcone carico di migranti, probabilmente di origine somala, è naufragato a Lampedusa, nei pressi dell’Isola dei Conigli. Sono almeno 62 le vittime accertate. La tragedia si è consumata a circa un miglio e mezzo al largo della famosa spiaggia. Portate in salvo circa 143 persone. Tra le vittime una donna incinta e due bambini, un maschio e una femmina.

Secondo le testimonianze di alcuni soccorritori, sarebbero finiti in acqua centinaia di migranti. L’imbarcazione si è rovesciata. L’allarme del naufragio è stato dato dall’equipaggio di due pescherecci che transitavano nella zona. Sul posto due motovedette, una della Guardia Costiera e una della Guardia di Finanza. Elicotteri e mezzi aerei stanno sorvolando sulla zona del naufragio. Secondo quanto si apprende, i profughi avrebbero acceso il fuoco sul barcone per attirare l’attenzione. E’ ancora in corso la conta dei morti e la ricerca dei tanti dispersi caduti in mare.

E’ una tragedia”. Così il sindaco di Lampedusa Giusi Nicolini in seguito al naufragio di un barcone con almeno 500 a bordo, presumibilmente somali, avvenuto all’alba di oggi a poche miglia dall’isola. Sono già cinquanta i cadaveri recuperati e trasportati sulla banchina del molo di Lampedusa. Tra loro anche due bambini e una donna incinta sbarchi-lampedusa1

La tragedia è avvenuta nella zona tra la Tabaccara e l’Isola dei Conigli. A bordo del barcone sarebbe scoppiato un incendio, forse dovuto a un corto circuito. Decine e decine di profughi per il panico si sono gettati in acqua, raccontanto i sopravvissuti al naufragio accompagnati, ancora sotto choc, sulla terraferma a Lampedusa. Alcuni dei migranti in mare si sono messi a nuotare per raggiungere gli scogli mentre i pescherecci, che si trovavano nella zona del naufragio dove sono giunte cinque motovedette della Guardia costiera, oltre ai mezzi della Guardia di Finanza, tentavano di metterli in salvo. Una vera e propria catena umana per aiutare gli immigrati finiti in acqua che ancora adesso sarebbero circa 200.

Ci sono morti ovunque. E’ terribile“. Non riesce a trattenere il pianto uno dei soccorritori che si trova su uno dei pescherecci che stanno recuperando i cadaveri dal mare. “Sono decine i morti, molti galleggiano – dice ancora tra le lacrime all’Adnkronos- Sembra un incubo”. Intanto, un peschereccio con i primi 60 migranti sopravvissuti sono in arrivo nel porto di Lampedusa.

Zingaretti : “La terribile tragedia del barcone naufragato al largo di Lampedusa richiama Governo, Parlamento e istituzioni ad uno sforzo per garantire il diritto all’accoglienza che in questi anni è stato calpestato da politiche di chiusura verso i migranti. E’ inaccettabile continuare ad assistere a tragedie immani, che colpiscono tutto il Paese, come quella di oggi a Lampedusa, con decine di vittime innocenti che non hanno alcuna colpa se non quella di pensare che, fuggendo dalla miseria, dalla fame e dalle persecuzioni, possano trovare accoglienza in un Paese come il nostro. A nome della Regione Lazio mi unisco al cordoglio per le vittime del naufragio di Lampedusa e mi stringo al dolore per l’ennesima tragedia nei mari italiani che, a mio avviso, richiederebbe un momento di riflessione nazionale con la proclamazione del lutto di Stato”. Lo afferma, in una nota, il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.

Altre videonews di Cronaca

Insp, Usb: domani black out informatico contro i tagli del governo

Rifiuti, da sindaci Cupinoro l’allarme: “stanno spostando l’emergenza rifiuti fuori dal Gra”

VIDEO > Rifiuti, il 1 ottobre chiusa Malagrotta. Camion diretti verso Bracciano

Print Friendly, PDF & Email
Share.