VIDEO > “Schiavi”, il film-inchiesta che racconta le nuove forme dello sfruttamento

1

Mencherini: “vuole essere una denuncia di quello che in 15 anni hanno fatto le politiche dell’immigrazione in Italia come in Europa”

(MeridianaNotizie) Roma, 8 ottobre 2013 – “Schiavi. Le rotte di nuove forme di sfruttamento”. Si chiama così il film-inchiesta sul fenomeno dei migranti realizzato dal giornalista schiaviindipendente e regista Rai, Stefano Mencherini.

“Nel tentativo di raccontare come affrontiamo i temi dell’immigrazione, Schiavi, dopo Mare Nostrum del 2003, vuole essere una denuncia di quello che in 15 anni hanno fatto le politiche dell’immigrazione in Italia come in Europa. – ha spiegato Mencherini – Repressione fine a se stessa e sperpero di denari pubblici, almeno da noi, stanziati per tutelare diritti e dignità dei migranti. Con una sorpresa finale: l’avvento di nuove forme di schiavitù che altro non sono se non il ‘prodotto’ di quelle politiche.”

Stefania Crogi, Segretario Generale della Flai Cgil Nazionale, ha sottolineato come il film inchiesta “racconta il dramma di uomini e donne che partono da Paesi in guerra, in preda a violenze ed estrema povertà, e, se raggiungono le nostre coste, passano dalle mani degli scafisti a quelle dei caporali.” “Si tratta – spiega – di drammi e soprusi, negazione dei diritti, che si consumano sulla pelle dei lavoratori stranieri e che sono al centro delle nostre attività svolte attraverso le diverse campagne (“Sgombriamo il campo”, “Gli invisibili delle campagne di raccolta”, “Stop caporalato”).”

Secondo Crogi, “Schiavi” è anche un modo per amplificare la denuncia, suscitare indignazione e spingere le istituzioni tutte ad intervenire con nuove politiche di accoglienza ma anche nuove regole per un mercato del lavoro che annienti il potere ricattatorio dei caporali e la loro stessa funzione.

Il servizio di Teresa Ciliberto

Altre videonews di cronaca

Germania paradiso dei divorziati: i preti danno l’ostia a chi ha interrotto il matrimonio

VIDEO > Truffa dei pacchi, un classico che a Napoli non tramonta

Tra Pigneto e Trastevere sequestrati 11 chili di stupefacenti per un valore di 7500 euro

Print Friendly, PDF & Email
Share.