VIDEO > Arrivo in carrozza per Vittoria Belvedere e Luca Ward per la prima di “My Fair Lady”

3

Ad accogliere Vittoria Belvedere  Luca Ward,  elegantissimi negli abiti di scena del Gran Ballo, i ​fan ​che hanno letteralmente bloccato la storica via, e tanti vip come Gabriele Cirilli, Emanuela Aureli, Clizia Fornasier, Silvia Salemi e Attilio Fontana. Con loro, tra gli altri, anche Samuela Sardo, Laura Barriales, Serena Rossi, Claudia Andreatti, Giorgio Borghetti, Monica Ward, Antonella Elia.

(MeridianaNotizie) Roma, 23 ottobre 2013 – Via Sistina ​”​assediata” ​da​ decine di telecamere e fotografi, folla in delirio per l’ arrivo di Vittoria Belvedere e Luca Ward, protagonisti del Musical My Fair Lady,  firmato Massimo Romeo Piparo. ​ ​In occasione della Prima, una sontuosa carrozza ​d’epoca​, con tanto di cocchieri ​in livrea ​e cavalli​ bianchi ha accompagnato il loro arrivo davanti al Tempio della Commedia Musicale italiana, preceduta da tutto il cast in costume. my-fair-lady2

Dall’opera di George Bernard Shaw “Pygmalion”, il musical racconta la favola di un’umile e rozza fioraia trasformata in principessa da un ostinato e burbero professore di fonetica. La cultura, la conoscenza della propria lingua, gli strumenti per un’elevazione sociale, sono il fulcro narrativo di questo spettacolo.

La “fair lady” Eliza Doolittle è un po’ Cenerentola, un po’ Pretty Woman, Mary Poppins, un po’ Bella e un po’ Bestia, insomma è l’archetipo del riscatto, della rivincita, dell’affermazione, della trasformazione e così incarna il desiderio e il sogno di tutto l’universo femminile che simpaticamente partecipa sin dal primo momento alla sua avventura”.

“Non capita a tutti i “classici” del Teatro musicale di poter essere sempre “giovani”. La fortuna di un musical spesso sta nel palmares del film o della piece da cui è tratto. Il musical My Fair Lady deve la propria “immortalità” a se stesso. A ciò che racconta, a come lo traduce in emozioni, ai sorrisi che fa scaturire, alla universalità del suo linguaggio musicale. My Fair Lady” si impone come il sogno che non vuole svanire, come la favola “possibile”, rappresenta il lieto perdersi in una tempesta di sentimenti. La “fair lady” Eliza Doolittle è un po’ Cenerentola, un po’ Pretty Woman, Mary Poppins, un po’ Bella e un po’ Bestia, insomma è l’archetipo del riscatto, della rivincita, dell’affermazione, della trasformazione e così incarna il desiderio e il sogno di tutto l’universo femminile che simpaticamente partecipa sin dal primo momento alla sua avventura” spiega il regista Massimo Romeo Piparo (Sette spose per Sette Fratelli, The Full Monty, Il Vizietto, Rinaldo in Campo, Jesus Christ Superstar, Smetti di Piangere Penelope, HairSpray, Evita, Tommy, My Fair Lady, La Febbre del Sabato Sera, Lady Day, Alta Società) porta in scena un cast d’eccezione: oltre a Vittoria Belvedere e Luca Ward, anche attori del calibro di Enrico Baroni nelle vesti del  Colonnello Pickering e di Giulio Farnese nel ruolo del cinico e spietato Alfred Doolittle. La direzione musicale è affidata a Emanuele Friello. Le coreografie sono di Roberto Croce, le scenografie di Aldo Di Lorenzo.

Altre videonews di Cultura

VIDEO > Accademia S. Cecilia, “Peter Grimes” di Britten apre la stagione 2013/14

Donna-prosciutto sui manifesti a Capri, l’ira delle donne sui social network

Chiude Digital Life, Agis: “Zètema monopolizza le attività culturali della Capitale”

Print Friendly, PDF & Email
Share.