VIDEO > “Ferramonti, il campo sospeso”, è il documentario per ricordarne nel 70° la liberazione

1

Il campo fu liberato dagli inglesi nel settembre del 1943, ma molti ex-internati rimasero a Ferramonti anche negli anni successivi e il campo di Ferramonti fu ufficialmente chiuso solo l’11 dicembre 1945. ferramonti 2

(MeridianaNotizie) Roma, 7 ottobre 2013 – “Ferramonti, il campo sospeso”, questo il titolo del documentario presentato in anteprima in Campidoglio in occasione del 70° anniversario della liberazione del campo di concentramento di Ferramonti di Tarsia in provincia di Cosenza. È la storia del più grande campo di sterminio tra i tanti voluti dal regime fascista tra il giugno e il settembre 1940, all’indomani dell’entrata dell’Italia nella seconda guerra mondiale, dove vennero rinchiusi ebrei, apolidi e slavi. Il campo fu liberato dagli inglesi nel settembre del 1943, ma molti ex-internati rimasero a Ferramonti anche negli anni successivi e il campo di Ferramonti fu ufficialmente chiuso solo l’11 dicembre 1945.

“Ferramonti, il campo sospeso”, questo il titolo del documentario presentato in anteprima in Campidoglio in occasione del 70° anniversario della liberazione del campo di concentramento di Ferramonti di Tarsia in provincia di Cosenza. È la storia del più grande campo di sterminio tra i tanti voluti dal regime fascista tra il giugno e il settembre 1940, all’indomani dell’entrata dell’Italia nella seconda guerra mondiale, dove vennero rinchiusi ebrei, apolidi e slavi. “La volontà è quella di ricostruire la storia del campo Ferramonti attraverso una visione ampia, rigorosa e spirituale grazie alle interviste dei superstiti che raccontano la loro esperienza, degli storici che ci forniscono un quadro dettagliato della situazione politica e sociale dell’epoca, e delle varie vicissitudini che si susseguono per tentare di ristrutturare i pochi resti del campo”, ha dichiarato regista Cristian Calabretta. Presente all’evento il Ministro all’Integrazione Cècile Kyenge. Il campo fu liberato dagli inglesi nel settembre del 1943, ma molti ex-internati rimasero a Ferramonti anche negli anni successivi e il campo di Ferramonti fu ufficialmente chiuso solo l’11 dicembre 1945. Ad intervenire anche Leone Paserman, Presidente del Museo della Shoah di Roma

Il servizio di Mariacristina Massaro

Altre videonews su Cultura:

Il Gambero Rosso elegge le migliori “forchette” d’Italia. Cuoco emergente ad Alba Ruiz del Marzapane

WildCat, il primo robot capace di muoversi da solo in uno spazio aperto

Perde l’amore e anche i capelli, è successo a Rachel

Print Friendly, PDF & Email
Share.