Imu, esenti dalla prima rata anche le case di lusso

1

Le commissioni si riuniranno nel pomeriggio per procedere all’esame del decreto e alla votazione degli emendamenti. Il provvedimento scade il 31 ottobre ed è atteso nell’aula di Montecitorio nel pomeriggio di mercoledì 9 ottobre, per poi passare all’esame del Senato.

(MeridianaNotizie) Roma, 7 ottobre 2013 – Dopo i giorni di fibrillazione sulla stabilità di governo, al centro dei lavori parlamentari torna l’Imu. Le commissioni Bilancio e Finanze della Camera hanno bocciato 322 emendamenti dei 454 presentati al decreto legge Imu-cig-esodati. L’emendamento del Pd al decreto Imu, che propone di esentare dalla prima rata dell’imposta solo le case con una rendita catastale inferiore a 750 euro è tra quelli dichiarati inammissibili. Il primo firmatario, il capogruppo in commissione Bilancio Maino Marchi, presenterà ricorso, che sarà esaminato nel pomeriggio dal presidente di commissione Boccia. imu-case-lusso1

Tagliola dell’ammissibilità per 322 emendamenti su 454 al decreto legge Imu all’esame delle commissioni bilancio e Finanze della Camera. È quanto emerge dallo ‘speech’ della presidenza. Da esaminare dunque restano 132 proposte emendative. Ben 176 emendamenti non sono passati al vaglio dell’ammissibilità a causa dell’estraneità di materia mentre 146 non hanno superato l’esame delle coperture.

Altre videonews di Politica

“Tarzan è incandidabile”, il Tar respinge il ricorso di Alzetta

Tragedia all’Isola dei Conigli, Letta e Alfano a confronto. La Lega accusa Boldrini e Kyenge

VIDEO > Cna Roma riconferma Colombi, per uscire dalla crisi bisogna agire

Print Friendly, PDF & Email
Share.