Brescia, cuccioli dall’Est venduti a commercianti senza scrupoli, denunciati due ungheresi

2

Sgomitata rete di trafficanti di cuccioli di cane dall’Est Europa, denunciati due cittadini ungheresi

(MerdianaNotizie) Roma, 15 novembre 2013 – Sequestrati a Brescia 6 cuccioli di razza trafficati illegalmente dall’Ungheria. Ieri il personale del Nucleo Investigativo Provinciale di Polizia Ambientale e Forestale di Brescia, a seguito di una complessa attività investigativa partita circa sei mesi fa dal territorio bresciano, è riuscito ad intercettare alcuni ungheresi che da tempo facevano del traffico illecito di animali d’affezione una fiorente attività. cani (1)

I Forestali sono intervenuti a Cantù dove hanno colto in flagranza di reato due ungheresi, un uomo e una donna, mentre stavano portando a termine la vendita dei cuccioli all’interno di un esercizio commerciale. Gli agenti hanno, inoltre, rinvenuto all’interno dell’autoveicolo condotto dai cittadini ungheresi sei cuccioli tra cui bulldog francesi, akita inu e chihuahua sprovvisti di microchip, documentazione sanitaria e passaporto.

Gli animali, illecitamente introdotti nel territorio nazionale, se venduti in nero a commercianti senza scrupoli, sarebbero stati successivamente dati per cani nati in Italia e come tali venduti ad un prezzo notevolmente maggiore. I cuccioli sono stati sottoposti a sequestro penale e affidati a custodi giudiziari che provvederanno al  loro mantenimento, mentre i due ungheresi sono stati denunciati  per traffico illecito di animali d’affezione e rischiano la pena della reclusione da a tre mesi ad un anno e la multa da 5.000 a 15.000 euro.

Serena Ingrati

Altre videonews su Cronaca:

U.S.A., condannato a morte chiede di donare gli organi. Esecuzione sospesa

Carabinieri in borghese pizzicano spacciatore e il suo cliente a San Lorenzo

Bologna, a una coppia gay l’affido temporaneo di una bambina: i due uomini affidabili e idonei

Print Friendly, PDF & Email
Share.