Omicidio Carlino, dopo 12 anni in manette Pagnozzi. Il mandante era il boss Michele Senese

1

Il mandato omicidiario fu assegnato da Michele Senese a Domenico Pagnozzi con cui vi era un’alleanza criminale risalente ai tempi della guerra di camorra degli anni ’80 per la comune militanza nella “Nuova Famiglia” di Carmine Alfieri, nella contrapposizione alla NCO di Raffaele Cutolo.

(MeridiananNotizie) Roma, 4 novembre 2013 – I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma hanno notificato un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a Domenico Pagnozzi, esponente di spicco dell’omonimo clan camorristico di San Martino Valle Caudina (AV), individuato a distanza di dodici anni, quale autore materiale dell’omicidio di Carlino Giuseppe, assassinato a colpi d’arma da fuoco nel corso di un agguato a Pomezia, loc. Torvajanica (RM) il 10 settembre 2001.

La misura cautelare è stata emessa dal GIP Maria Agrimi su richiesta dei PM della Procura della Repubblica di Roma – D.D.A., Giuseppe Cascini e Luca Tescaroli, a chiusura delle indagini sul grave fatto di sangue che, nel giugno scorso, avevano portato i Carabinieri ad arrestare i pregiudicati Michele Senese,Giovanni de salvo, Raffaele Carlo Pisanelli e Fiore Clemente, ritenuti corresponsabili con il Pagnozzi nella pianificazione ed esecuzione dell’omicidio. carabinieri

Secondo la ricostruzione effettuata dagli inquirenti, l’omicidio di Carlino fu deliberato da Michele Senese per vendicare l’omicidio del fratello, Senese Gennaro, avvenuto nel 1997 a Roma, e per riaffermare il prestigio della sua organizzazione criminale. Il mandato omicidiario fu assegnato da Michele Senese a Domenico Pagnozzi con cui vi era un’alleanza criminale risalente ai tempi della guerra di camorra degli anni ’80 per la comune militanza nella “Nuova Famiglia” di Carmine Alfieri, nella contrapposizione alla NCO di Raffaele Cutolo.

In seguito, i due si trasferirono a Roma, Senese a metà degli anni 80’ e Pagnozzi a partire dal 2000, ove iniziarono a collaborare, secondo alcuni collaboratori di giustizia, offrendosi reciproca assistenza nell’esecuzione di omicidi. All’epoca dell’omicidio di Giuseppe Carlino, il Domenico Pagnozzi era latitante in quanto destinatario di una misura cautelare per associazione mafiosa.

La misura emessa a carico del Pagnozzi si basa sul complesso quadro indiziario acquisito dai Carabinieri di via in Selci, già alla base dell’ordinanza emessa il 26 giugno scorso nei confronti del Senese più altri 3, peraltro confermata dal Tribunale del Riesame di Roma, nonché sugli esiti degli accertamenti di laboratorio eseguiti su un fazzoletto di carta rinvenuto all’epoca dei fatti sull’autovettura utilizzata dal commando che eseguì l’omicidio, su cui è stato rinvenuto il profilo DNA del predetto Pagnozzi.

All’indagato è stata contestata l’aggravante di cui all’art. 7 del D.L. 13 maggio 1991 nr. 152 convertito in L. 12 luglio 1991 nr. 203, per avere agito avvalendosi delle condizioni previste dall’articolo 416 bis del codice penale. Al riguardo, nell’O.C.C. viene evidenziato come “la realizzazione dell’omicidio di Giuseppe Carlino ha sicuramente contribuito in modo significativo a rafforzare il prestigio criminale mafioso di Michele Senese e del suo gruppo sul territorio romano (…) anche grazie al consolidamento dell’alleanza tra il gruppo criminale di Pagnozzi e quello di Senese”.

Il Pagnozzi Domenico era già recluso in regime di 41 bis presso il carcere di Spoleto e risulta gravato da precedenti per gravi delitti, tra cui per associazione mafiosa e omicidio.

Altre videonews di Cronaca

M5S, la deputata grillina Tatiana Basilio ne è convinta: Le sirene esistono, eccome

Le assegnano cattedra dopo 14 anni, ma ormai è morta

A Novembre vanno di moda i baffi, parte “Movember” campagna contro malattie maschili

Print Friendly, PDF & Email
Share.