Palestrina, operaio pizzicato dai Carabinieri con reperti archeologici in casa

3

Un operaio di Palestrina aveva rubato reperti archeologici di epoca romana. I Carabinieri hanno trovato la refurtiva nella sua abitazione e lo hanno denunciato.

(MeridianaNotizie) Roma, 8 novembre 2013 – I Carabinieri della Stazione di Palestrina hanno trovato nell’abitazione di un operaio residente in zona diversi reperti archeologici, tutti di età romana del I, II e III secolo d.c., detenuti dallo stesso illegalmente. L’uomo è stato così denunciato per possesso di beni culturali appartenenti allo Stato.PALESTRINA 1A

Le opere sono state ritrovate posate su suppellettili, altri posti come ornamento delle pareti. I reperti ritrovati sono: un’olletta di impasto; un frammento di un sarcofago del III secolo d.C. in marmo greco insulare; un collo d’anfora con attacco delle anse; alcuni frammenti di vaschetta in tufo; un blocco da costruzione in marmo greco Proconnesio; un frammento di cornice in marmo Proconnesio con Kyma ionico e dentelli.

Tutto il materiale sequestrato è stato consegnato alla Soprintendenza per i Beni Archeologici del Lazio. Gli inquirenti hanno comunicato che le opere sono attribuibili al territorio dell’aerea Prenestina.

Aurelio Ponzo

Altre videonews in Cronaca:

Campidoglio, all’asta 600 immobili: introiti per almeno 250 milioni di euro

VIDEO > Testaccio, confiscate a clan Casamonica auto e ville di lusso per 3mln di euro

Print Friendly, PDF & Email
Share.