VIDEO > Baby squillo dei Parioli: mamma non puoi ritirarmi da scuola non ho 16 anni

3

Le due baby squillo non sono le uniche minori coinvolte nel giro di prostituzione dei Parioli. Parla la zia della 14enne indotta dalla madre a prostituirsi : “Non credo che mia sorella sapesse”

(MeridianaNotizie) Roma, 13 novembre 2013 – Continua la vicenda delle  baby prostitute dei Parioli. Le due ragazzine potrebbero non essere le uniche coinvolte nel giro di prostituzione, infatti Nunzio Pizzicalla – uno dei loro sfruttatori – era alla ricerca di altre ragazze, con l’aiuto della 16enne che è stata indagata per induzione alla prostituzione. Sarebbero circa 20-30 persone invece i clienti coinvolti finora, o almeno questi sono quelli identificati nel corso delle indagini. La maggior parte sono persone che provengono da ambienti facoltosi e agiati e che avevano disponibilità di denaro. baby-squillo2

Parla la zia della della quattordicenne coinvolta nel giro di prostituzione. “Giorni fa mi ha detto ‘zia, io te lo volevo dire, ma mi vergognavo troppo. Ma prima non mi ha mai raccontato, mi raccontava più che altro come si sentiva». A proposito della sorella, che sarebbe stata al corrente di quanto faceva la figlia, la donna ha detto: «Non credo che sapesse, altrimenti l’avremmo saputo anche noi. Ce l’avrebbe detto come ci ha detto che spacciava droga. Ma non abbiamo mai avuto un buon rapporto, abbiamo sempre litigato per il modo in cui gestiva i bambini”.

“Sapevamo delle difficoltà di mia sorella, è una persona estremamente fragile, ha sempre avuto difficoltà psicologiche e non è stata supportata adeguatamente. Lei e la figlia sono molto simili, la ragazzina si rispecchia molto in mia sorella, purtroppo è un modello fragile, con un padre completamente assente, come per l’altra ragazza. Mia sorella ha subito purtroppo violenze in famiglia, ha avuto problemi psicologici, alimentari come bulimia e anoressia, la nostra infanzia è stata estremamente dura, ma lei non è riuscita a curarsi”.

“Non mi puoi ritirare da scuola, mamma, non c’ho 16 anni”. Rispondeva così la 14enne alle minacce della madre di ritirarla da scuola perché non riusciva ad organizzarsi e far conciliare studio e “lavoro”.

Serena Ingrati

Altre videonews su Cronaca:

VIDEO > Occupazione e maggiore integrazione in Europa, Koinè lancia le sue proposte per una ripresa dell’Italia

Che la gentilezza sia con te, flash mob a Ciampino per la Giornata Mondiale della Gentilezza

Forestale sequestra in azienda barese alimentari contraffatti e mal conservati. Su uova anche escrementi di gallina

Print Friendly, PDF & Email
Share.