VIDEO > Casa, Unione Inquilini in Campidoglio contro gli sfratti. Ozzimo: Procedere verso il buono casa

3

Unione Inquilini scende in piazza insieme ai precari e agli sfrattati della casa. Una delegazione ha incontrato il vicesindaco di Roma, Luigi Nieri, e l’assessore alla Casa, Daniele Ozzimo

(MeridianaNotizie) Roma, 7 novembre 2013 – “No sfratti. Sì case popolari” Con questo slogan l’Unione Inquilini ha organizzato un sit in in piazza del Campidoglio per rivendicare il dirittoUNIONE INQUILINI 1 all’abitare. Le richieste avanzate dal movimento sono molto chiare: pubblicazione della nuova graduatoria del bando di assegnazione entro il 30 novembre 2013, consegna immediata di case popolari per i partecipanti al bando, recupero e utilizzo degli immobili pubblici abbandonati, requisizione degli alloggi lasciati sfitti dalla speculazione immobiliare e riattivazione immediata della commissione graduatorie sfratti.

Nel frattempo una delegazione di Unione Inquilini ha incontrato il vicesindaco di Roma, Luigi Nieri, e l’assessore alla Casa, Daniele Ozzimo. “Roma vive in una situazione difficile e sicuramente le problematiche sono tante. – ha detto Ozzimo al termine dell’incontro – Abbiamo difficoltà organizzative sulla graduatoria ma ci stiamo attrezzando per potenziare gli uffici. Intanto abbiamo avviato una serie di accertamenti sia sulle autocertificazioni e sugli alloggi popolari, ad esempio, sul centro città. Un incontro che pero’ non ha soddisfatto l’Unione Inquilini. Ancora troppe parole, promesse. – ha detto il segretario Ui, Guido Lanciano – Non siamo soddisfatti anche del fatto che all’incontro non abbia paretecipato il sindaco Marino. Riconosciamo l’impegno da parte dell’attuale amministrazione ma si continua a discutere di emergenza e non di programmazione”.

Il servizio di Simona Berterame

Altre videonews in Cronaca:

Broggi su biglietti clonati dell’Atac: “le indagini facciano il loro corso, noi collaboriamo coi magistrati”

Il 13 novembre i mezzi fermeranno i motori: previsto sciopero di quattro ore

Bufera su Atac per i biglietti clonati, Marino: “se è vero Roma si costituirà parte civile”

Print Friendly, PDF & Email
Share.