VIDEO > Pompe funebri come nascondiglio per pistole, in manette Ciccio e il suo socio

4

Nascondevano pistole e accessori per rapine in un negozio di pompe funebri, arrestati un 47enne e un 39enne al Casilino

(MeridianaNotizie) Roma, 13 novembre 2013 – Finiscono in manette un 47enne e il suo socio 39enne accusati di ricettazione e detenzione illegale di armi e munizionamento in concorso. I Carabinieri si sono insospettiti dal via vai dei due uomini da un negozio di pompe funebri di via Alenda, in disuso da qualche mese e di cui avevano ottenuto la disponibilità. machete carabinieri

Nel corso della perquisizione del negozio i Carabinieri hanno trovato, nascosta in un soppalco del bagno, una sacca contenente numerosi capi di vestiario e accessori, utili a compiere rapine o altri reati contro il patrimonio, e due pistole, una calibro 9X21 con matricola abrasa e una calibro 7.65 complete di caricatori e relativo munizionamento. Le pistole sono state inviate al laboratorio di balistica del R.I.S. di Roma, dove verranno analizzate per verificare eventuali collegamenti con fatti di cronaca recenti o passati.

Serena Ingrati

Altre videonews su Cronaca:

Forestale sequestra in azienda barese alimentari contraffatti e mal conservati. Su uova anche escrementi di gallina

Maltempo Roma, scatta l’allarme per la piena del Tevere

007 nudo e morto in una borsa. Per Scotland Yard è stato solo un incidente

Print Friendly, PDF & Email
Share.