VIDEO > Stamina, i malati occupano le vie del centro. Traffico in tilt

1

Il movimento nato il 20 aprile 2013 a Torino, su iniziativa dei pazienti e delle loro famiglie che hanno espresso la volontà di accedere alle cure con le cellule staminali del metodo “Stamina”, arriva a Roma per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema delle staminali

(MeridianaNotizie) Roma, 25 novembre 2013 – «Stamina funziona anche tu senza laurea lo puoi capire», «Non abbiamo più voglia di morire». Con questi cartelli e rumorosi fischietti alcuni malati (tra loro anche alcuni bambini) che vogliono accedere al metodo Stamina e le loro famiglie hanno bloccato a Roma prima largo Chigi, poi la strada che porta a piazza San Silvestro e via Del Tritone all’altezza di via Del Traforo. I malati chiedono di poter accedere al metodi Stamina come cura compassionevole e lo sblocco delle liste d’attesa a Brescia.  stamina2Sedie a rotelle di fronte ad auto e bus: il movimento pro-Stamina blocca il Centro di Roma. Malati e attivisti dell’associazione ‘Civico 117A’, in mattinata, hanno invaso via del Tritone e via del Corso, nei pressi di palazzo Chigi. Durante il sit-in di protesta a Montecitorio per dire ‘sì al metodo Stamina’, a base di cellule staminali messo a punto da Davide Vannoni, i manifestanti hanno urlato al megafono: “Il potere decisionale passa a noi. Andremo avanti ad oltranza”. In piazza ci sono genitori e diversi malati, tra i quali molti bambini. La richiesta è quella di un decreto ministeriale d’urgenza per emergenza sanitaria. E se non arriverà una risposta positiva molti minacciano gesti estremi. “Speriamo non sarà così – ha detto Davide Vannoni, presidente di Stamina e presente in piazza- La fondazione è per la vita”.

VIDEO > Durante il sit-in tra blocchi del traffico e slogan scanditi, “i fratelli Biviano in segno estremo di protesta stanno iniziando a dissanguarsi di fronte e Montecitorio – ha annunciato una portavoce dei manifestanti pro-stamina – si stanno attaccando delle flebo che poi staccheranno per dissanguarsi”. Si è alzata così la tensione in piazza, al presidio dei manifestanti pro-Stamina. Il Comitato e i familiari dei pazienti con malattie gravi hanno lanciato un ultimatum al governo: aspetteranno altri 5 minuti e, se non verranno esaudite le loro richieste, “non assicureremo più l’ordine nella piazza”.

‘Siamo vite a tempo… lasciateci curare’, recita uno degli striscioni esposti. Diverse le testimonianze di parenti e genitori di piccoli colpiti da malattie rare. Spezzato solo dalle note di ‘The end’ dei Doors, si è alzato l’urlo “Assassini” rivolto ai politici “delle due Camere”. L’obiettivo è quindi il governo. I manifestanti hanno gridato i nomi di persone morte e accusato il ministero della Salute di non aver autorizzato il protocollo terapeutico che prevede l’uso di staminali: “Li ha uccisi lo Stato”, hanno scandito al megafono.

Stamina, manifestanti bloccano il centro: Siamo vite a tempo, lasciateci curare

stamina4Il movimento nato il 20 aprile 2013 a Torino, su iniziativa dei pazienti e delle loro famiglie che hanno espresso la volontà di accedere alle cure con le cellule staminali del metodo “Stamina”, arriva a Roma per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema delle staminali mesenchimali adulte e promuovere le cure secondo la metodica della “Stamina Foundation”, e chiedere un decreto d’urgenza per bloccare le cure compassionevoli con metodo stamina, anche se per il momento sta sensibilizzando solo le strade del centro.

La Redazione

Altre videonews di Cronaca

La storia di ripete, a Natale la stella cometa Ison splenderà per 3 giorni

VIDEO > Quando l’evasione è di famiglia, nel barese24 mln sottratti al fisco

Sposa e schiava a 16 anni, si ribella e giù botte al campo nomadi La Barbuta

Print Friendly, PDF & Email
Share.