VIDEO > Agricoltura, la Regione Lazio sblocca 6 mln euro per pagamento debiti e lancia la nuova Arsial

1

La nuova mission intende promuovere il sistema agroalimentare del Lazio in modo “moderno e innovativo”, racchiuso nel nuovo logo identificativo dell’agenzia.

(MeridianaNotizie) Roma, 5 novembre 2013 – Definire un percorso di rilancio attraverso l’individuazione di azioni volte a superare l’attuale situazione di stallo, uscire progressivamente dall’amministrazione controllata per riportare l’Arsial alle sue funzioni istitutive, di strumento di ricerca, innovazione e valorizzazione dei processi nel settore agroalimentare laziale. Sono questi gli obiettivi del nuovo piano strategico dell’Arsial, presentato dal governatore del Lazio, Nicola Zingaretti, dall’assessore all’Agricoltura Sonia Ricci e dal commissario straordinario dell’Agenzia regionale, Antonio Rosati. Recentemente, infatti, con una delibera di giunta, sono stati sbloccati circa 6 milioni di euro per il pagamento dei debiti cui potranno aggiungersi ulteriori 3 milioni di euro ricavati dalla vendita di terreni di proprietà dell’Arsial a Pescia Romana. arsial2

La nuova mission intende, appunto, promuovere il sistema agroalimentare del Lazio in modo “moderno e innovativo”, racchiuso nel nuovo logo identificativo dell’agenzia. Per Zingaretti “l’obiettivo è non avere più società che ogni anno perdono milioni di euro, noi abbiamo avviato una razionalizzazione del sistema delle imprese che sta portando a chiudere molte aziende, a tagliare posti nei consigli di amministrazione e revisori dei conti, salvaguardando la forza lavoro. In alcuni casi anche le aziende che rimangono vanno rivoluzionate con un occhio al risparmio e soprattutto con una mission che sia sempre più chiara.

In questo caso l’agricoltura attraverso l’Arsial per la promozione enogastronomica in Italia e nel mondo dei nostri prodotti, per il sostegno agli imprenditori e anche per iniziare una grande scommessa che è quella di dismettere il patrimonio, le terre ai giovani con dei bandi che partiranno a dicembre per favorire una nuova agricoltura giovanile e il patrimonio immobiliare che è fatto di casali, chiese e padiglioni al servizio dei comuni per ridare vita a questi luoghi attraverso progetti che nasceranno comune per comune per evitare che un patrimonio valutato oltre 300 milioni di euro alla fine vada disperso e distrutto”.

In particolare il piano strategico è incentrato su quattro funzioni principali, a parlarcene l’assessore Ricci. Il patrimonio dell’agenzia sarà alienato in due direzioni: da una parte una grande dismissione verso i Comuni, quindi facilitando una grande parte di chiese, scuole, piazze e strade, perché l’Agenzia ha anche di questo, per favorire progetti o di socialità o economici, a titolo non oneroso stiamo trasferendo ai Comuni. Dall’altra reperendo le risorse: abbiamo farmacie, sportelli bancari, ristoranti. A dicembre vorremo dare un primo segnale con un primo bando, per la prima volta in Italia, di un utilizzo intelligente dei territori”, ha sottolineato Rosati.

Il servizio di Mariacristina Massaro

Altre videonews su Lazio Regione:

M5S, Barillari: diretta web per i lavori della Regione. Dal grillino nuova lettera a Zingaretti

Costi dell’informazione in Consiglio Regionale, Storace contro lo strapotere delle Agenzia di Stampa

VIDEO > Accordo in Regione su ammortizzatori in deroga. In mattinata sit in dei lavoratori

 

Print Friendly, PDF & Email
Share.