Coldiretti porta maiali in protesta a Montecitorio, “difendiamo il made in italy”

2

Manifestanti a quattro zampe a favore del mde in Italy davanti a Montecitorio, l’iniziativa è della Coldiretti nell’ambito della mobilitazione “La battaglia di Natale: scegli l’Italia”

(MeridianaNotizie)Roma, 5 dicembre – I maiali sono i protagonisti della protesta di Coldiretti davanti al Parlamento. Allevatori e coltivatori si sono dati appuntamento in piazza Montecitorio per protestare contro la concorrenza sleale che penalizza il made in Italy. Di buonora, dietro alle transenne che delimitano la piazza antistante l’ingresso principale della Camera, ci sono gia’ striscioni che sintetizzano l’obiettivo della mobilitazione: ‘salviamo il vero prosciutto italiano’; ‘ogni 1.500 prosciutti stranieri, un posto di lavoro in mendo per gli italiani’, recitano gli slogan scelti per chiedere ai parlamentari di ‘adottare un maiale’, simbolicamente, s’intende, per difendere la produzione italiana. maiali.JPG2

Al centro della piazza davanti Montecitorio un grande libro raccoglie le domande di “adozione” dei maiali di cittadini e rappresentanti delle istituzioni che vogliono salvare il vero prosciutto italiano, assunto a simbolo della protesta. Sul palco allestito vicino a un piccola stalla dove razzolano comodamente i maiali di fronte a Montecitorio ci sono infatti bidoni di concentrato di pomodoro cinese, sacchi di polvere di latte del Nord Europa, cagliate industriali straniere per produrre mozzarella “senza latte” in Italia e cosce di maiale dalla Germania arrivate sul territorio nazionale per diventare prosciutti.

Dalla stalla al salumiere – spiega la Coldiretti – trovano occupazione 105mila persone tra allevamento, trasformazione, trasporto e distribuzione, ora in pericolo. Insieme alle stalle e agli allevatori, a rischio di estinzione c’e’ una buona parte del patrimonio enogastronomico nazionale con i prelibati prodotti della norcineria nazionale dal culatello di Zibello alla coppa piacentina, dal prosciutto di San Daniele a quello di Parma, la cui produzione e’ calata del 10% dall’inizio della crisi nel 2008.

Il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo denuncia: “In Italia due prosciutti su tre oggi provengono da maiali allevati in Olanda, Danimarca, Francia, Germania e Spagna senza che questo venga evidenziato chiaramente in etichetta. Un inganno per i consumatori e un danno per gli allevatori italiani impegnati a rispettare rigidi disciplinari di produzione per realizzare carne di altissima qualità che non ha nulla a che fare con quella importata dove per l’alimentazione dei maiali si usano spesso sottoprodotti”. Sul mercato – sostiene la Coldiretti – e’ facile acquistare prosciutti contrassegnati dal tricolore, con nomi accattivanti come prosciutto nostrano o di montagna, che in realta’ non hanno nulla a che fare con la realta’ produttiva nazionale. Una situazione favorita dall’inerzia dell’Unione Europea che, nonostante gli allarmi sanitari, non intende ancora estendere con un regolamento l’obbligo di indicare in etichetta la provenienza della carne di maiale impiegata nei salumi, al pari di quanto e’ stato fatto con quella bovina dopo l’emergenza mucca pazza. Inoltre per ogni 100 euro spesi dai cittadini in salumi 48 restano in tasca alla distribuzione commerciale, 22,5 al trasformatore industriale, 11 al macellatore e solo 18,5 euro all’allevatore. In altre parole – spiega Coldiretti – mentre in media all’allevatore i maiali allevati sono pagati circa 1,4 euro al chilo, il consumatore ne spende oltre 23 euro per il prosciutto.

Serena Ingrati

Altre videonews su Cronaca

Sciopero nazionale e cortei, il 6 dicembre inizia il weekend di fuoco

Droga sotto il contenitore degli abiti usati, in manette pusher francese

Blitz nel cuore del made in China, Vigili a caccia di prodotti cinesi illegali al Prenestino

Print Friendly, PDF & Email
Share.