Costretta al cesareo e a dare la figlia in affidamento, per i medici Alessandra era pazza

1

Alessandra Pacchieri ha 35 anni ed è stata ritenuta ‘pazza’ dai giudici inglesi. La donna è stata costretta a partorire con un parto cesareo e a dare in affido la sua bimba ai servizi sociali britannici.

(MeridianaNotizie) Roma, 3 dicembre 2013 – La sua unica colpa era il bipolarismo. Malattia da cui soffre da tempo che però non le aveva impedito di avere, grazie ai farmaci, una vita normale. I servizi sociali inglesi però  dicono che: “le vietano di incontrare sua figlia, le dicono che è stata già adottata”, una situazione che farebbe ammattire qualsiasi mamma sulla faccia della Terra. La verità è che la bimba, che ora ha un anno e quattro mesi, ancora non è stata adottata: vive nell’Essex e ha iniziato ad incontrare la coppia che la vorrebbe con sè. Una sorta di incontro preventivo. La bambina è nata nell’agosto del 2012 in Inghilterra, dove Alessandra stava per seguire un corso di addestramento per diventare assistente di volo con la compagnia Ryanair. Ma all’ottavo mese di gravidanza, la donna fu colta da una crisi di panico, a causa della mancata assunzione dei suoi farmaci quotidiani che regolano il suo bipolarismo. All’arrivo della Polizia, Alessandra fu immediatamente ricoverata in un’ospedale psichiatrico e solo un mese dopo, fu trasportata in sala operatoria per eseguire un parto cesareo, disposto dal giudice. Ma lei voleva che la bimba nascesse in Italia. cesareo-obbligato2

Subito dopo il parto, le fu strappata sua figlia dalle braccia a causa del suo disturbo mentale, e affidata ai servizi sociali. Ora Alessandra sta lottando con tutte le sue forse per cercare di far revocare la decisione del governo britannico di far adottare la piccola. Ma è un caso molto complicato.

La Redazione

Altre videonews di Cronaca

VIDEO > Turismo, Roma al 21° nel settore congressuale. Serve fare di più

VIDEO > Sbarco migranti, barcone con 121 profughi messo in salvo a Crotone

La Sapienza, un’unità tutta per il figlio del rettore Frati, 5 persone a rischio processo

Print Friendly, PDF & Email
Share.