Motociclista schiacciato da un pino, Codacons “chiudiamo alla circolazione via Cristoforo Colombo”

1

Incidente mortale sulla Cristofor Colombo, muore motociclista schiacciato da un pino caduto a causa del forte vento. L’albero era legato a un cartello pubblicitario e senza radici, Codacons propone di chiudere la circolazione di via Cristoforo Colombo

(MeridianaNotizie) Roma, 2 dicembre – Un motociclista di 42 anni che guidava una motard Aprilia, Gianni Danieli, è morto sulla Colombo, al km 17,8 in direzione Ostia, centrato da un albero di pino caduto a causa del forte vento. L’incidente è avvenuto nel primo pomeriggio intorno alle 13. Sul posto i vigili urbani del Git e i vigili del fuoco che in questi minuti hanno lavorato per ore per liberare entrambe le carreggiate che sono rimaste chiuse nel tratto Mezzocamino-Malafede. pino

Rabbia e dolore per i familiari di Gianni Danieli. Sul posto è arrivato il fratello Alessandro che in lacrime ha urlato tutta la sua rabbia e la sua disperazione. “Chi me lo ridà mio fratello adesso – ha urlato – come è possibile morire in questa maniera. Gianni stava tornando dal lavoro, faceva il fisioterapista, era una persona buona”. Alessandro, apparso lucido pur nella rabbia e nel dolore, ha puntato il dito sulle condizioni della pianta: “Guardate – ha detto ai giornalisti – le radici praticamente non ci sono, era legato a un cartello pubblicitario. Paghiamo le tasse e succedono queste cose – ha imprecato – pensano solo a prendere le multe e non fanno niente. Ora aspetto le istituzioni, voglio vedere se avranno il coraggio di farsi vedere in faccia, voglio delle risposte da Roma”.

«Chiudere alla circolazione via Cristoforo Colombo a tempo indeterminato, – chiede il presidente del Codacons, Carlo Rienzi – almeno fino a che il Comune non sarà in grado di garantire la sicurezza di motociclisti e automobilisti, e accertare le responsabilità del Servizio Giardini».

Omicidio colposo. Questo il reato ipotizzato nell’inchiesta aperta dalla Procura di Roma dopo la morte di Gianni Danieli. Nessun indagato al momento nell’inchiesta, affidata al procuratore aggiunto Pierfilippo Laviani e al sostituto Alberto Pioletti, cui è già stata consegnata una prima informativa sui fatti. Tre gli accertamenti che saranno svolti dagli inquirenti: esame anatomopatologo su Danieli; indagini sulla eventuale straordinarietà o prevedibilità del maltempo; verifiche sulle condizioni del pino e sulla relativa manutenzione.

Serena Ingrati

Altre videonews su Cronaca

Lettera di Corona dal carcere: non ho mai pensato al suicidio, abbiate cura di mio figlio

Decadenza Berlusconi, a soffrirne è Dudù. Aidaa: tre segnalazioni per depressione del cane dell’ex premier

Lettera di Corona dal carcere: non ho mai pensato al suicidio, abbiate cura di mio figlio

Print Friendly, PDF & Email
Share.