VIDEO > Arriva la Zanzara a Via Crescenzio 84, un bistrot all’italiana nel cuore del quartiere Prati

1

(MeridianaNotizie) Roma, 11 febbraio 2014 – Pungente, irriverente, pronto a stuzzicare – senza possibilità di liberarsene – i palati più curiosi ed esigenti. Si inaugura mercoledì 12 febbraio, Salvatore Testagrossa e Cecerenel cuore di Prati, La Zanzara, il nuovo attesissimo locale gourmet della Capitale, da un concept di Izhak Nemni,  già proprietario di Baccano, uno dei locali di riferimento della Capitale. Visti i successi raccolti a Fontana di Trevi, Nemni ha pensato bene di consegnare le chiavi anche della Zanzara a Fabio Casamassima, direttore di Baccano, un grande professionista, che qui avrà il ruolo di General Manager.

“Per questo nuovo progetto ho chiamato a raccolta alcune delle migliori professionalità che mi è capitato di incrociare nel corso della carriera ed ho cercato di creare un team di alto livello, in parte avvalendomi della squadra che ha decretato il successo di Baccano  – spiega  Casamassima –  L’Executive Chef Alessandro Cecere e  lo Chef di Cucina Salvatore Testagrossa,  perfetti per una proposta gastronomica di livello. La Responsabile Bar Cristiana Brunetti garantirà cocktail intriganti. L’arredamento e la ristrutturazione sono state affidate a RPM Proget.  Per il ruolo di Direttore, invece, ho scelto Paolo De Angelis, raffinato conoscitore del Pianeta Vino che qui ha avuto carta bianca per sbizzarrirsi anche con l’affascinante mondo delle birre. Ma oltre ai grandi “pilastri” sono convinto che per vincere la sfida sia necessario costruire un gruppo completo e quindi ripropongo anche alla Zanzara il mio modello di fare impresa. Attenzione massima alla formazione del personale, competenza per quanto concerne i prodotti, cura dei dettagli e soprattutto capacità di accogliere, facendo percepire all’ospite il vero piacere di averlo a casa nostra. E, elemento imprescindibile, sempre presentando una materia prima di assoluta qualità”.

Fabio Casamassima GM e CecereDalla Colazione fino al Dopo Teatro, passando per il  Pranzo, la  Cena e l’ Aperitivo, La Zanzara abbraccia la formula dell’All Day Long, preparandosi a diventare luogo privilegiato d’incontro per chi ama il buon cibo e la cultura enogastronomica.

E sarà ampia e variegata la proposta gastronomica contenuta nel Menu concepito all’insegna dell’italianità, senza rinunciare a un tocco di internazionalità. Molte saranno le ricette ispirate alla tradizione (soprattutto romanesca) che rivivrà in particolare durante il Pranzo della Domenica, uno dei momenti cult nel “palinsesto” de La Zanzara: dalla lasagna ai cannelloni, fino al pollo con le patate, la cucina proporrà i grandi classici della domenica italiana a tavola. Altri punti forti della Carta saranno la Gastronomia, con salumi e formaggi accuratamente selezionati dall’esperto Raffaele Piras, le Paste fresche fatte in Casa, secondo il tradizionale metodo piemontese con 30 tuorli d’uovo per ogni chilo di farina, e infine la scenografica Griglia a vista, sulla quale verranno cotte solo carni di primissima scelta. Per colazione, imperdibili i cornetti artigianali preparati da uno dei più famosi pasticceri italiani, mentre durante il giorno ci si potrà sfiziare con i cicchetti, preparazioni gourmet monoporzione da accompagnare all’ampia proposta beverage.

 “Dalla Colazione internazionale alla formula smart del Pranzo, fino ai ricchi aperitivi che introducono alla Cena, La Zanzara si candida a essere un bistrot all’italiana di respiro DSC_0910internazionale, dove qualità, competenza e tradizione si intrecciano armonicamente, con un unico grande obiettivo: la piena soddisfazione del cliente – conclude Casamassima –  Il nostro vuole essere anche un centro di divulgazione  della cultura del bere e  del mangiare di qualità. Con grande attenzione ai prezzi, basta guardare la nostra carta dei vini per comprendere che da noi sarà possibile degustare anche etichette importanti a prezzi introvabili altrove. Sono inoltre particolarmente fiero di proporre ben tre oli del Lazio di una delle migliori aziende del nostro Paese, la Quattrociocchi di Alatri, per ridare a questo grande prodotto la sua giusta collocazione. Grazie a un personale formato ad hoc, saremo in grado di raccontare le eccellenze enogastronomiche di volta in volta proposte, suggerendo abbinamenti ottimali, pur sempre nel rispetto delle scelte del cliente”.

Servizio di Domenico Lista e Mariacristina Massaro

Altre videonews di RomaCapitale:

VIDEO > Giorno del ricordo, Altare della Patria: Marino depone corona per le popolazioni Giuliano-Dalmate

VIDEO > Forconi, movimento torna in piazza: corteo da Piazzale dei Partigiani a Piramide

Maltempo a Roma, Protezione Civile: condizioni avverse da oggi e per 24-36 ore

Share.