Gra, maxi incidente crea 20km di coda. Due feriti e traffico in tilt

1

Sul posto è intervenuta l’eliambulanza. Lo scontro è avvenuto avvenuto tra l’allacciamento con l’autostrada A24 Roma-L’Aquila-Teramo (km 31,6) e lo svincolo di via della Bufalotta (km 23)

(MeridianNotizie) Roma, 17 marzo 2014 – Venti chilometri di coda in carreggiata esterna e gravi rallentamenti in quella interna sul Gra a causa di un incidente, un tamponamento a catena, avvenuto questa mattina intorno alle 7.20. Lo scontro è avvenuto avvenuto tra l’allacciamento con l’autostrada A24 Roma-L’Aquila-Teramo (km 31,6) e lo svincolo di via della Bufalotta (km 23). Coinvolti due mezzi pesanti e cinque autovetture. Forti disagi su tutte le consolari del quadrante nord-est. Due persone sono rimaste ferite e si è reso necessarioincidente l’intervento dell’eliambulanza. Sul posto sono intervenute Polizia Stradale, polizia locale di Roma Capitale, 118 e vigili del fuoco.

Dei due feriti nell’incidente, il più grave è un operaio dell’Atac di 34 anni che si stava recando al lavoro e che è stato ricoverato al Gemelli in codice rosso. L’Ares 118 ha fatto intervenire sul luogo dell’incedente l’eliambulanza Pegaso 21 che è atterrata sul Gra alle 7.09. L’equipe sanitaria ha portato i primi soccorsi e fornito assistenza all’operaio rimasto incastrato all’interno della vettura. Per liberarlo dalle lamiere i Vigili del Fuoco hanno dovuto lavorare un’ora. Appena liberato medici e infermiere hanno stabilizzato il paziente che pur cosciente presentava trauma cranico e politrauma diffuso e lo hanno imbarcato sull’eliambulanza. I piloti dell’Elitaliana sono decollati dal Gra con Pegaso 21 alle 8.09 ed in pochi minuti sono atterrati al Gemelli dove il paziente è stato preso in consegna dal dipartimento d’emergenza in codice rosso.

Altre videonews in Cronaca:

VIDEO > Unità, Marino e Napolitano depongono una corona all’Altare della Patria

VIDEO > Camorra, arrestato il boss Angelo Cuccaro: era latitante da due anni ad Ardea

VIDEO > Sequestrata fabbrica di armi della ‘Ndrangheta, l’officina alimentava l’arsenale delle ‘Ndrine

Share.