Fecondazione, sì all’eterologa. La norma simbolo della legge 40 è illegittima

1

Il divieto di fecondazione eterologa è incostituzionale. Lo ha stabilito la Corte Costituzionale che ha dichiarato l’illegittimità della norma della legge 40 che vieta il ricorso a un donatore esterno di ovuli o spermatozoi nei casi di infertilità assoluta.

(MeridianaNotizie) Roma, 9 aprile 2014 –  Lo ha deciso la Consulta nella parte della legge 40/2004 sulla procreazione medicalmente assistita in cui si vieta di ricorrere alla donazione di gameti (ovociti o spermatozoi) esterni alla coppia per concepire un figlio. Cade, dunque, l’ultimo ‘paletto’ imposto dalla discussa normativa italiana. Dopo aver affrontato la questione della conservazione degli embrioni, della diagnosi preimpianto e del numero di embrioni da impiantare nell’utero materno, per la seconda volta la Corte era stata chiamata a giudicare la legittimità costituzionale di quella che è stata definita dagli avvocati difensori delle coppie la norma ‘simbolò della legge 40, cioè il divieto di fecondazione eterologa. 15.05.2006 - Avegno: neonato

Nel maggio 2012 la Corte costituzionale decise di restituire gli atti ai tribunali rimettenti, per valutare la questione alla luce della sopravvenuta sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo sulla stessa tematica. Oggi la nuova decisione, dopo l’udienza pubblica di ieri mattina sulla questione, durata poco meno di un’ora e mezza e, nel pomeriggio, la Camera di consiglio proseguita questa mattina e terminata poco fa.

La Redazione

Altre videonews di Salute

Truffa Equitalia, mazzette per chiudere le pratiche. Danno all’erario da 17mln di euro

Adescavano bambine su Whatsapp, Messenger e Skype: fermati impiegati, studenti e pensionati

Maxi evasione fiscale da 10 mln di euro nel reatino, in manette noto imprenditore

Print Friendly, PDF & Email
Share.