Madre coraggio, per salvare la figlia azzanna un pitbull in testa

1

La donna spinta dall’istinto materno è subito accorsa in soccorso della figlioletta mordendo il cane in testa e sferrandogli vari pugni sul muso. Una volta stordito  il cane, mamma e figlia sono scappate in bagno chiudendo la porta a chiave e allertando i soccorsi.

(MeridianaNotizie) Roma, 24 aprile 2014 – Forse è quello che farebbe ogni mamma degna di questo nome in una situazione del genere. Quando ha visto infatti la figlioletta di due anni aggredita dal pitbull del suo fidanzato non ci ha pensato su due volte, si è subito scagliata contro il cane mordendolo sulle orecchie e in testa tanto da indurlo a desistere e ad allontanarsi. Protagonista della vicenda a lieto fine la 23enne Chelsi Camp, residente a League City, nella contea di Galveston dello Stato del Texas negli Stati Uniti. La donna era nel giardino del suo fidanzato con la piccola Mackenzie di due anni quando, per motivi ancora da accertare, il cane di proprietà del fidanzato ha aggredito la piccola mordendola in più parti del corpo.20140424_bimba_pit_bull

Sul posto è subito intervenuta una pattuglia della polizia che data l’aggressività dell’animale è stata costretta ad uccidere il cane. La piccola con numerose ferite è stata strasportata in eliambulanza all’ospedale, ma grazie al gesto eroico della madre è riuscita a salvarsi senza troppe conseguenze. La donna invece ha riportato ferite alle mani e alle braccia. “È stato un gesto istintivo, ho fatto solo quello che mi sono sentita di fare, probabilmente non avrei esitato nemmeno a salvare un’altra persona in difficoltà” ha spiegato la donna ai media locali.

La Redazione

Altre videonews di Cronaca

Scout morto nel sacco a pelo, dall’autopsia è risultato avere un tumore mai scoperto

Atac, da oggi la Metrebus card sarà ordinabile online

Il ponte del 25 aprile spenna i turisti, ecco come e dove risparmiare

Print Friendly, PDF & Email
Share.