Un selfie che uccide, 16enne accoltella la sua miglior amica

0

L’assassina è stata arrestata in occasione del funerale della Baez dopo che la polizia aveva trovato su Twitter un messaggio mai cancellato in cui diceva alla futura vittima: «Sono molto calma, ma nella mia testa ti ho gia ucciso almeno tre volte»

(MeridianaNotizie) Roma, 1 aprile 2014 – Un selfie che non doveva essere pubblicato e che ha fatto perdere il lume della ragione a una 16enne messicana. Erandy Elizabeth Gutierrez ha accoltellato a morte con ben 65 fendenti la sua migliore amica, Anel Baez, sua coetanea, perché quest’ultima aveva pubblicato alcune foto delle due ragazze insieme nude su Facebook. Lo riferisce il Ny Daily News citando fonti della polizia messicana. Secondo gli inquirenti l’omicida ha perso il lume della ragione sentendosi umiliata dalla pubblicazione. selfie-killer1

La Baez dopo aver subìto minacce dalla Gutierrez, l’aveva convocata a casa sua, nella città di Guamúchil, nello stato di Sinaloa, per tentare di ricomporre la lite. La Gutierrez una volta entrata nell’appartamento l’ha colpita con 65 coltellate uccidendola. Dopodiché è fuggita dalla scena del delitto. L’assassina è stata arrestata in occasione del funerale della Baez dopo che la polizia aveva trovato su Twitter un messaggio mai cancellato in cui diceva alla futura vittima: «Sono molto calma, ma nella mia testa ti ho gia ucciso almeno tre volte».

La Redazione

Altre videonews di Cronaca

Rifiuti, giudizio immediato per Manlio Cerroni e Bruno Landi

VIDEO > Margot un’orologio per scoprire se “m’ama o non m’ama” da Cristophe Claret a Baselworld 2014

Dopo la peste e la malaria arriva la Whatsappite

Print Friendly, PDF & Email
Share.

Comments are closed.