VIDEO > Sora, truffa a l’Inps: cantieri aperti e operai in Cigs. 135 persone denunciate

2

Il controllo eseguito dai finanzieri di Sora, tuttavia, ha consentito di rilevare che la società, nonostante la dichiarata sospensione dell’attività lavorativa, nei mesi di gennaio, febbraio e marzo del 2011 – periodo oggetto di autorizzazione alla cassa integrazione – ha proseguito nell’esercizio della propria attività di impresa, effettuando lavori commissionati da società clienti presso vari cantieri della capitale.

(MeridianaNotizie) Roma, 23 aprile 2014 – Utilizzo illecito della Cassa Integrazione Guadagni Speciale (Cigs) per 46.000 ore complessive. A scoprire la truffa è stata la Tenenza della Guardia di Finanza di Sora al termine di una indagine di polizia giudiziaria nei confronti di una società operante nel settore della manutenzione stradale.

Le indagini hanno consentito di accertare che la società sorana, in conseguenza di una dichiarata sospensione dell’attività lavorativa, era stata autorizzata dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali all’utilizzo della Cigs dal mese di Gennaio a quello di Marzo 2011, per un periodo di tredici settimane, relativamente al quale l’orario di lavoro dei 137 lavoratori alle loro dipendenze  è stato ridotto da 40 a zero ore settimanali, per un numero complessivo di 71.240 ore.cigs-sora2

Il controllo eseguito dai finanzieri di Sora, tuttavia, ha consentito di rilevare che la società, nonostante la dichiarata sospensione dell’attività lavorativa, nei mesi di gennaio, febbraio e marzo del 2011 – periodo oggetto di autorizzazione alla cassa integrazione – ha proseguito nell’esercizio della propria attività di impresa, effettuando lavori commissionati da società clienti presso vari cantieri della capitale. In tale periodo, infatti, la società è risultata pienamente operante nell’esercizio della propria attività di impresa, come accertato dalle fatture emesse nei confronti dei clienti e, soprattutto, dalla documentazione relativa ai lavori eseguiti presso i cantieri, che ha consentito di determinare per ciascun lavoratore formalmente risultante in cassa integrazione, il cantiere di lavoro, il turno di lavoro, le ore lavorative, l’automezzo utilizzato per raggiungere il cantiere e la firma del capo cantiere e del responsabile del cantiere.

È stato così accertato che 130 lavoratori dipendenti della società sorana, nel 1° trimestre 2011, pur se in Cigs a zero ore, sono stati impiegati dal datore di lavoro nell’ordinaria attività lavorativa per un totale di 46.000 ore, corrispondenti ad una integrazione salariale corrisposta dall’Inps per 250.000 euro. Al termine delle indagini i 5 responsabili della società e i 130 dipendenti della stessa sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Cassino per i reati di truffa aggravata ai danni dello Stato.

Servizio di Cristina Pantaleoni

Altre videonews di Cronaca

VIDEO > 5000 euro per aggiustare una pratica, in manetta per concussione ex vigile in pensione e funzionario

VIDEO > In manette 3 imprenditori capitolini, occultati 89mln della vendita dell’”Ambasciatori Palace” di via Veneto

Nokia diventa Microsoft Mobile, dal 25 aprile il cambio diverrà ufficiale

Print Friendly, PDF & Email
Share.