Abolizione delle Province, il ddl Delrio è legge

1

Sì definitivo dell’Aula della Camera al ddl Delrio che abolisce le province. Il testo è stato approvato a Montecitorio con 260 sì, 158 no e 7 astenuti. Contro il ddl Delrio hanno votato Fi, M5S, lega, Sel e Fdi.

(MeridianaNotizie) Roma, 3 aprile 2014 – Durante la votazione più volte il capogruppo di Fi Renato Brunetta ha urlato «Golpe! Questo è un golpe! Votiamo compatti no». Dopo il voto, dai banchi del Pd si è levato un applauso.

Abolizione Province – FI:  «La legge sul mantenimento delle province e l’abolizione della democrazia è passata oggi. Giorno triste per la democrazia, mentre la Vanna Marchi della politica italiana si vanta falsamente di aver abolito le province. Ma ancora più truffaldino è che con questa pseudoriforma il mentitore professionale Renzi rafforza la cricca di amministratori locali che, senza elezioni, domineranno su territori e comuni, cricca che è stata la sua band elettorale nelle primarie Pd e che oggi riscuotono la marchetta come ho ben spiegato in Aula». Camera dei Deputati - Legge elettorale

È quanto dichiara il deputato di Forza Italia, Maurizio Bianconi che denuncia anche una «bugia da venditore da suk tunisino» twittata «dal Matteo impunito: ‘abbiamo mandato a casa 3000 amministratorì. Menzogna, perchè con lo stesso provvedimento sono stati ripristinati 26.000 consiglieri comunali e 4.000 assessori sui quali, vergognosi, tacciono i piddini in piena trance da ipocrisia politica. I nostri elettori – conclude – devono sapere che abbiamo combattuto una grande battaglia, contro questa vergogna nazionale, che è la cartina di tornasole per quegli illusi che cullano il mito di un Renzi diverso. In effetti diverso lo è: è il peggiore di tutti».

Abolizione Province – Il Pd: «Con l’approvazione definitiva della legge sulle Province e le città metropolitane comincia la semplificazione dell’assetto istituzionale italiano. Le nuove norme mettono in moto un processo che troverà compiuta realizzazione con la riforma costituzionale e la riscrittura del Titolo V: un percorso che trasforma le Province in enti di secondo livello, che consente il commissariamento di quelle che avrebbero dovuto essere rinnovate alle prossime elezioni, che fa concretamente partire l’istituzione delle Città metropolitane». Lo dice Marina Sereni, dopo l’approvazione in via definitiva del ddl Delrio. «Dopo molti anni di dibattiti inconcludenti si realizza il primo tassello di un disegno riformatore più ampio – conclude – che mette al centro i cittadini e la necessità di alleggerire la burocrazia, migliorare i servizi, usare meglio le risorse pubbliche».

La Redazione

Altre videonews di Politica

VIDEO > “Fanfaniani a Roma”, Coratti: “a La Cute il merito di descrivere una pagina importante della nostra storia”

VIDEO > Tour del degrado nei municipi VIII e IX della Capitale. Ciocchetti: “una città abbandonata, che fa Marino?”

VIDEO > Scelta Civica per l’Europa presenta il suo manifesto euro-liberale e si prepara alle prossime elezioni

Print Friendly, PDF & Email
Share.