Tweet al vetriolo tra Renzi e Grillo e il premier rinuncia alla partita del cuore

0

#matteorisponde Oggi il presidente del Consiglio tornerà a rispondere alle domande dei suoi followers su Twitter dalle 14 alle 15. «Prima della riunione sulla riforma della pubblica Amministrazione (ore 15) torniamo ai vecchi tempi?», ha annunciato lo stesso Renzi attraverso il proprio profilo sul sito di microblogging. L’hashtag è #matteorisponde.

(MeridianaNotizie) Roma, 23 aprile 2014 – «I comici milionari dicono che 80 euro sono una presa in giro. Se provassero a vivere con 1200 euro al mese non lo direbbero #lavoltabuona». Renzi non fa alcun nome, ma il riferimento a Beppe Grillo è fin troppo esplicito. Un contrattacco duro che il premier consegna a Twitter dopo la valanga di critiche piovute su ogni riforma da parte del M5s. Prima ancora di Grillo è Brunetta a replicare, sempre su Twitter, al capo del governo: «Matteo Renzi peronista e qualunquista. E i suoi amici milionari? Quelli non contano? Perché non attacca anche loro?», scrive il capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati.

Matteo Renzi rinuncia alla Partita del cuore e fa sapere dalla sua pagina Facebook che il 19 maggio non scenderà in campo per un’iniziativa benefica, il cui ricavato sarebbe stato girato a Emergency. Lo fa in seguito alle polemiche del M5S che chiamando in causa la par condicio si erano opposti alla trasmissione del match su Rai 1 a pochi giorni dalle elezioni europee.

«Maggio 2013, Torino. Mi invitano – scrive il presidente del Consiglio ricordando un precedente- alla partita del cuore, allo Juventus stadium. Anche un cuore viola come il mio deve ammettere che è bellissimo. E la città risponde alla grande: beneficenza, emozioni, divertimento. Torno negli spogliatoi e scatta in me l’istinto della competizione. Il prossimo anno facciamo la partita a Firenze, propongo. Ci danno l’ok e destiniamo l’incasso a Emergency. Sono felice. Poi, come noto, cambio mestiere».renzi1

«Qualche giorno fa – continua Renzi – mi chiama Gino Strada e mi chiede di rilanciare l’attenzione dei media, di aiutare anche nel mio nuovo ruolo, per fare della partita un’occasione di sostegno per i progetti di Emergency. Lo faccio volentieri. E qui casca l’asino, anzi il Grillo cinque stelle mi accusa di strumentalizzare il calcio in campagna elettorale, di volere la diretta tv per conquistare voti. I miei amici si domandano con la consueta gentilezza se mi hanno mai visto giocare per pensare che un mio assist sposti voti. Ma il punto non è questo. Il punto e che grazie alla rabbia e alla paura dei grillini per la prima volta si sporca un evento come la partita del cuore che da anni unisce gli italiani. Strumentalizzare gli 80 euro, i segreti di stato, gli investimenti sulle scuole è ancora polemica politica. Strumentalizzare la beneficenza no».

«Ho deciso allora di non giocare la partita del cuore di quest’anno. Anche se mi costa dal punto di vista personale perchè siamo fatti di carne e giocare con Baggio, Batistuta e Antognoni per uno come me che ama il calcio (non ricambiato, lo so) era un piccolo sogno: inutile nascondersi, siamo uomini. Però sono il presidente del consiglio di un paese che non merita polemiche ridicole come questa», conclude Renzi.

La Redazione

Altre videonews di Politica

Dl lavoro, domani la fiducia. Ecco cosa prevede il decreto del Governo Renzi

Stragi, via al Segreto di Stato. Renzi: un dovere verso i familiari delle vittime

“Diteci chi finanzia il blog di Beppe Grillo”, l’appello dei parlamentari Pd al M5S

Print Friendly, PDF & Email
Share.

Comments are closed.