Armati di bastoni entrano in un bar e picchiano il titolare, fermata baby gang a Tor Bella Monaca

3

Dopo pochi minuti di ricerche in zona, i Carabinieri hanno individuato la baby gang: si tratta di un 19enne romano ed un 18enne di origini colombiane che capeggiavano una combriccola composta da quattro 17enni, tutti romani, tranne uno originario dell’Ecuador, e altri due ragazzini romani di 14 e 13 anni.

(MeridianaNotizie) Roma, 22 maggio 2014 – Probabilmente non sapevano cosa inventarsi per dare una svolta a una serata noiosa, perciò hanno pensato bene di armarsi di bastoni e di rapinare un bar di via Acquaroni, a Tor Bella Monaca, gestito da un cittadino del Bangladesh di 38 anni. I protagonisti della vicenda sono 8 ragazzini, di età compresa tra i 13 e i 19 anni, tutti residenti nella zona di Tor Bella Monaca, che, nellacarabinieri tarda serata di ieri, sono entrati nell’esercizio, hanno aggredito il gestore colpendolo più volte con i bastoni e lo hanno rapinato dell’incasso giornaliero, circa 200 euro. Subito dopo il raid è scattata la fuga a piedi. La vittima, benché malconcia, ha immediatamente chiesto aiuto al “112”: i Carabinieri, arrivati poco dopo sul posto con diverse pattuglie, hanno attivato il soccorso medico per il 38enne, cui sono state riscontrate lesioni guaribili in 10 giorni, e raccolto la sua testimonianza con la descrizione dei giovani rapinatori.

Dopo pochi minuti di ricerche in zona, i Carabinieri hanno individuato la baby gang: si tratta di un 19enne romano ed un 18enne di origini colombiane che capeggiavano una combriccola composta da quattro 17enni, tutti romani, tranne uno originario dell’Ecuador, e altri due ragazzini romani di 14 e 13 anni. Per i “rapinatori in erba”, la maggior parte dei quali già conosciuti alle forze dell’ordine, la serata si è conclusa nella caserma dei Carabinieri di Tor Bella Monaca. Successivamente, i due maggiorenni sono stati trasferiti nelle rispettive abitazioni agli arresti domiciliari mentre il 14enne e i 4 17enni sono stati accompagnati, anche loro in stato di arresto, nel Centro di Prima Accoglienza per i minori di Roma, dove attenderanno di comparire nelle aule giudiziarie per il rito direttissimo. Il 13enne, invece, non essendo imputabile vista la sua giovanissima età, è stato affidato ai genitori.

La Redazione

Altre videonews di Cronaca

VIDEO > Ex sindaco dei Castelli truffava l’Inps da 10 anni, intascava la pensione continuando a lavorare

VIDEO > “Ricerca Scientifica e sviluppo competitivo dell’Ict”: crescita settore indispensabile per l’innovazione

Share.