Il boss di Gomorra si pente, Iovine decide di parlare a quattro anni dall’arresto

2

Condannato all’ergastolo nel processo Spartacus e a ventuno anni e sei mesi nel processo Normandia, Saviano lo ha nominato “Ministro dell’Economia della Camorra”

(Meridiana Notizie) Roma, 22 maggio 2014- Il boss Antonio Iovine, conosciuto come o’ninno per il suo viso da bambino, dopo quattro anni di carcere ha deciso di collaborare con la Procura della Repubblica di Napoli. Iovine è considerato uno dei quattro capi del clan dei Casalesi insieme a Francesco Bidognetti, Francesco Schiavone (Sandokan) e Michele Zagaria. Secondo quanto riferiscono alcuni quotidiani Iovine, ha cominciato a ricostruire ai magistrati della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, le attività e i rapporti del clan,download (11) dalla gestione delle attività criminali alle guerre tra i clan e i rapporti con gli esponenti politici.

Iovine, è stato arrestato dalla Polizia nell’autunno del 2010, dopo 15 anni di latitanza, in una casa di Casal di Principe ed è detenuto da quattro anni in carcere in regime duro. Lunedì scorso nel processo per le intimidazioni allo scrittore Roberto Saviano e della giornalista Rosaria Capacchione,  ora deputata del Pd (marzo 2008), il pm Antonello Ardituro ha chiesto la condanna di Francesco Bidognetti e degli avvocati Michele Santonastaso e Carmine D’Aniello e l’assoluzione proprio di Antonio Iovine, perchè pur essendo certo della sua colpevolezza, non c’è possibilità di dimostrarla.

La Redazione

Altri videonews di Cronaca

VIDEO > “Ricerca Scientifica e sviluppo competitivo dell’Ict”: crescita settore indispensabile per l’innovazione

La benzina meno cara te la suggerisce una App, il Mise lancia il progetto “Osserva Prezzi”!

Caro benzina, gli italiani smettono di riempire il serbatoio lasciando a “secco” i distributori

Share.