VIDEO > Operazione Polimero, Gdf scopre frode fiscale da 170mln di euro

2

(MeridianaNotizie) Como, 28 maggio 2014 – Frode fiscale ad opera di 14 imprese nazionali ed estere, attive nel settore del commercio all’ingrosso di materiale plastico (granuli di polimero) responsabili di reati di natura tributaria, contrabbando aggravato, falso ideologico e associazione per delinquere aggravata dal carattere transazionale della condotta

L’operazione denominata “POLIMERO”, che ha preso il nome dalla tipologia del prodotto commercializzato, ha consentito di ricostruire, a partire dal 2010, il meccanismo illecito posto in essere da una vasta organizzazione delinquenziale ramifioperazione-polimeri1cata tra la Svizzera , il territorio nazionale e quello comunitario, facente capo ad un soggetto di origini campane, già destinatario di altre misure restrittive emesse dall’Autorità Giudiziaria, tuttora latitante.

Secondo la ricostruzione del Giudice, sulla base delle indagini dei finanzieri, la “regia” della frode fiscale veniva attuata da una holding elvetica facente capo al predetto latitante, fiscalmente rappresentata in Italia da un commercialista comasco, destinatario anch’egli di provvedimento restrittivo della libertà perso nale. Nei confronti di quest’ultimo, sono state altresì accertate ulteriori autonome condotte fraudolente poste in essere in qualità di professionista – depositario di scritture contabili ovvero da amministratore di fatto di società operanti nel settore edile

Il meccanismo fraudolento, per effetto dell’IVA non versata a monte, ha consentito ad una vasta platea di imprese nazionali destinatarie finali, operanti soprattutto nel settore della trasformazione del materiale plastico, di effettuare acquisti a valori sensibilmente inferiori a quelli di mercato sviluppando così una politica commerciale a prezzi lesivi della leale concorrenza di mercato, nonché di realizzare ingentissimi profitti.

Al momento le indagini hanno permesso di ricostruire l’emissione e l’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti per 170 milioni di euro, l’evasione di 62 milioni di euro di ricavi non dichiarati dalle società cartiere, di 7 milioni di euro di IVA , e di  650 mila euro di diritti doganali.

Servizio di Cristina Pantaleoni

Altre videonews di Cronaca

Lacrime e giochi per i bambini congolesi atterrati a Ciampino. Il ministro Boschi “sono impazziti quando hanno visto i genitori”

VIDEO > Scoperta serra di Marijuana in convento del ‘700, le piante avrebbero fruttato 31mila dosi

Share.