VIDEO > Truffa ai Padri Camilliani, sequestrati immobili al “faccendiere” romano Paolo Oliverio

1

Tra gli investimenti in corso da parte dell’Oliverio anche l’acquisto di un locale commerciale sequestrato a novembre ad Ernesto Diotallevi nella più ampia operazione che ha riguardato i suoi legami con la banda della magliana.

(MeridianaNotizie) Roma, 12 maggio 2014 – Appartamenti di pregio e locali commerciali, a Roma, Montalcino (Siena) e Buonconvento (Siena) intestati a “teste di legno”, sono stati sequestrati al faccendiere romano Paolo Oliverio, arrestato per la maxitruffa ai Padri Camilliani ed il sequestro di persona organizzato per pilotare la nomina di Padre Renato Salvatore al vertice dell’ordine religioso.truffa-camilliani1

Un “buco” da 10 milioni ai danni principalmente dell’ospedale Santa Maria della Pietà di Casoria. I fondi che affluivano nella casse del nosocomio campano per le prestazioni eseguite in convenzione con il Servizio Sanitario Nazionale venivano dirottati su conti correnti che, dopo vari passaggi, affluivano nelle casse di società riconducibili al “faccendiere”, una, in particolare, rappresentata dalla figlia di Lorenzo BORGOGNI, ex direttore centrale delle relazioni esterne di Finmeccanica. Tra gli investimenti in corso da parte dell’Oliverio anche l’acquisto di un locale commerciale sequestrato a novembre ad Ernesto Diotallevi nella più ampia operazione che ha riguardato i suoi legami con la banda della magliana.

L’operazione – ribattezzata con il nome “Codice da Vinci” – è l’epilogo delle indagini,  coordinate dalla D.D.A. della locale Procura della Repubblica, del G.I.C.O. di Roma, che avevano portato all’esecuzione, nei confronti dell’uomo, di due ordinanze di custodia cautelare: la prima, a novembre del 2013, per la nomina pilotata di padre Renato Salvatore al vertice dell’ordine religioso e la seconda, a gennaio di quest’anno, in relazione ad un episodio di corruzione di pubblici ufficiali.

Servizio di Cristina Pantaleoni

Altre videonews di Cronaca

VIDEO > Funerale dei diritti degli animali in Campidoglio. “Marino mantenga le promesse”

VIDEO > Inaugurato al Pincio Largo Amleto Cataldi, lo scultore ciociaro e l’autore de “La Fontana dell’Anfora”

“Non sparate sulla Croce Rossa”, operatori Cri manifestano davanti al ministero della Salute

Print Friendly, PDF & Email
Share.