“Tutto Shakespeare in 90 minuti”, il Teatro Tor Bella Monaca dal 2 al 4 maggio apre le porte alle persone sorde

1

Masini: “Con questa iniziativa il Teatro di Tor Bella Monaca getta davvero il cuore ‘oltre l’ostacolo’, confermandosi una delle intuizioni migliori delle nostre amministrazioni passate”

(MeridianaNotizie) Roma, 2 maggio 2014 – Il Teatro Tor Bella Monaca in collaborazione con Fiadda Roma Onlus apre le porte alle persone sorde. Dal 2 al 4 maggio “Tutto Shakespeare in 90 minuti”, con Alessandro Benvenuti, Nino Formicola e Francesco Gabbrielli, per la regia di Alessandro Benvenuti, sarà sopratitolato a cura di Fiadda Roma Onlus. “Il teatro e la cultura rappresentano, oggi come ieri, la chiave per aprire le comunità per consentire l’inserimento dei giovani dei nostri quartieri in contesti inclusivi, che sappiano sottrarli al degrado e al disagio.tor

Con questa iniziativa il Teatro di Tor Bella Monaca getta davvero il cuore “oltre l’ostacolo”, confermandosi una delle intuizioni migliori delle nostre amministrazioni passate e un attore molto importante di quel lavoro di messa in rete delle realtà migliori che stiamo mettendo in campo per valorizzare e riqualificare nostre periferie”, ha affermato Paolo Masini, Assessore alle periferie e lavori pubblici di Roma Capitale. “Un’altra iniziativa dal sapore giusto – sostiene Alessandro Benvenuti, direttore artistico del Teatro Tor Bella Monaca –  portare a chi non sente le parole scritte perché possa godere di uno spettacolo leggendo ciò che le orecchie non possono raccontargli. E che lo spettacolo, il primo di una serie mi auguro, sia proprio il nostro – inteso come quello dove ci recito anche io che ho l’onore di essere il Direttore Artistico del teatro di Tor Bella Monaca – è motivo di grande soddisfazione”.

Il servizio di Mariacristina Massaro

Altre videonews su Eventi:

Parte RiscARTI alla Città dell’Altra Economia di Testaccio, tre autobus Atac usati come spazi espositivi

Piero Pelù show al concertone: “Renzi boy scout di Licio Gelli”

Concertone, the day after: un mare di rifiuti e 200 persone in ospedale

Print Friendly, PDF & Email
Share.