Renzi su Grillo: è solo uno sciacallo che scommette sul fallimento dell’Italia

5

“Noi siamo – ha dichiarato il premier presentando le elezioni europee come una sfida per l’Italia – il ragionamento, loro l’invettiva, loro sono l’insulto e noi il dialogo, loro lo sfascio e noi la proposta, loro contro l’Italia e noi per un’Italia che guidi l’Europa. Noi non abbiamo un obiettivo piccolo ma vogliamo che le europee disegnino un’Italia nuova.

(MeridianaNotizie) Roma, 5 maggio 2014 – “Se ciascuno di noi fa un pezzettino della sfida è più semplice per tutti, chiedo ai parlamentari di andare là dove sarebbe illogico andare perchè più difficile. Non abbiamo paura, non siamo timidi. Dobbiamo andare all’attacco sull’Europa perchè noi siamo in grado di cambiarla e rimettere in moto l’economia”. E’ la ‘chiamata alle armi’ di Matteo Renzi ai democratici. Il premier è arrivato a piedi alla direzione del partito: “Renzi, cambia l’Italia, mi raccomando”. “Ci proviamo”, ha risposto all’incoraggiamento di una passante che incontra per le vie del centro di Roma. Una passeggiata interrotta più volte per salutare i negozianti, a cui Renzi chiede come stanno andando le vendite, e per concedere selfie ai turisti che lo fermano per salutarlo.renzi-pd1

‘Noi la speranza, Grillo sciacallo’ : La campagna elettorale, ha sottolineato il premier parlando alla direzione, “sta diventando un derby tra la rabbia e la speranza, su chi scommette sul fallimento dell’Italia e chi pensa di potercela fare. Prima c’erano falchi e colombe, ora i gufi e gli sciaccalli. “Noi siamo – ha continuato il premier presentando le elezioni europee come una sfida per l’Italia – il ragionamento, loro l’invettiva, loro sono l’insulto e noi il dialogo, loro lo sfascio e noi la proposta, loro contro l’Italia e noi per un’Italia che guidi l’Europa. Noi non abbiamo un obiettivo piccolo ma vogliamo che le europee disegnino un’Italia nuova. La sfida non è sul segretario o sul gruppo dirigente ma sul Pd”. “Noi – ha aggiunto – dobbiamo essere quelli che vogliamo dare speranza all’Italia mentre in giro, qualsiasi cosa accada, c’è chi si butta con istinto felino per dire non c’è più nulla da credere, lo stato non c’è più. A Piombino Grillo è andato a fare lo sciacallo ma non si mettono i lavoratori contro i sindacati in una fabbrica in crisi“.  Per il premier bisogna “riuscire a cambiare tono alla discussione” sulle europee “che oggi non è per niente sull’Europa. Il Pd ha scelto di entrare nel Pse non come atto di tributo e omaggio a una tradizione ma come tentativo di stare in uno schieramento per cambiare un’Europa che non è certo quella dei nostri sogni”. La, ha sottolineato, “differenza è tra chi urla e grida e chi prova a cambiare davvero”.

La Redazione

Altre videonews di Politica

VIDEO > Europee, Ciocchetti presenta il programma di una campagna basata sui social network

“Sentenza Mediaset è colpo di stato”, cosi Berlusuconi ora rischia i domiciliari

Ddl droghe, governo chiede la fiducia. Ecco cosa prevede il decreto

Print Friendly, PDF & Email
Share.