Cara, rifugiati in protesta bloccano la Tiberina. Lutrelli: si continua a pagare l’illeggittima gestione del pocket money

1

(MeridianaNotizie) Roma, 10 giugno 2014 – I rifugiati, ospitati al Cara di Castelnuovo di Porto, questa mattina, intorno alle sette, hanno occupato la via Tiberina lamentando le condizioni di vita nel Centro. Alcuni si sono anche sdraiati a terra. I manifestanti hanno esposto alcuni cartelli con su scritto: “Trattateci come esseri umani”. Sul posto è intervenuta la polizia che dopo oltre due ore è riuscita a far spostare gli immigrati e sta procedendo ad alcune identificazioni.

Le tensioni al Cara di Castelnuovo di Porto fanno seguito agli scontri fra gli immigrati ospiti della struttura e le Forze dell’ordine del 15 maggio scorso. All’alba di stamattina, racconta Muhammad Zubair Raja, uno dei residenti, “è scattata la protesta di circa 200 migranti, che sono usciti dal cancello principale, occupando una parte della Tiberina”. “Alcuni ospiti”, riferisce Raja, “avrebbero appiccato il fuoco in alcuni locali della struttura”. protesta-cara1A quanto si apprende, a scatenare la rivolta, come già accaduto a metà maggio, è il mancato pagamento del “pocket money” da parte della cooperativa Auxilium, subentrata il 7 aprile alla Gepsa nella gestione del Centro. Ma il direttore del Cara, Vincenzo Lutrelli ridimensiona l’accaduto: “Le Forze dell’ordine hanno risolto la situazione della Tiberina, dove c’era un gruppo di ospiti, non so se ci sono stati scontri. Al momento i migranti sono tornati nella struttura, e impediscono l’ingresso dal cancello principale”. Per Lutrelli l’attuale gestione “continua a pagare l’illegittimità di quella precedente, con gli ospiti che rifiutano di usare il negozietto interno già attivo, tranne che per sigarette e cellulari. Loro vogliono invece il buono cartaceo, che la Prefettura ha stabilito si debba continuare a erogare come previsto dal capitolato”.

Gli stranieri sono usciti dall’immobile “Ex Protezione Civile” in località “Ponte del Grillo”, nel Comune di Castelnuovo di Porto, dove si trova il Centro accoglienza richiedenti asilo, da via Traversa del Grillo si sono riversati sulla Tiberina. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri. Un militare si fatto male nell’inseguimento di uno straniero per liberare la strada.

La Redazione

Altre videonews di Cronaca

Cresima di ordinaria follia, calci e pugni in un noto ristorante di Velletri

Incidente Anagnina, indagato l’autista Atac per omicidio colposo

Aggredisce i genitori per avere la droga, arrestato 42enne tossicodipendente

Print Friendly, PDF & Email
Share.