Colpisce la ex in spiaggia e scappa…in canoa. Arrestato pregiudicato 40enne

1

Ha picchiato la ex compagna trentottenne in una spiaggia di Ostia e poi è fuggito con una canoa

(Meridiana Notizie) Roma, 3 giugno 2014- Ha colpito l’ex compagna con un pugno al torace. Il responsabile, un pregiudicato di 40 anni, è stato arrestato dai carabinieri con l’accusa di atti litorale ostiapersecutori. Il fatto è avvenuto in uno stabilimento balneare sul lungomare Caio Duilio. La donna stava trascorrendo il pomeriggio sull’arenile quando ad un tratto si è vista spuntare alle spalle l’ex compagno che, visibilmente agitato, pretendeva di vedere il loro bambino. Dopo avergli detto che il piccolo si trovava in piscina con gli amichetti, la donna gli si è avvicinata perchè intimorita che potesse fargli del male.
A quel punto l’uomo l’ha colpita con un pugno al torace facendola cadere a terra. Alcuni bagnanti si sono avvicinati per evitare il peggio ma quando l’aggressore ha capito di averla fatta grossa si è diretto verso il mare ed è fuggito a bordo di una canoa. Sul posto sono intervenuti i carabinieri del Nucleo radiomobile della compagnia di Ostia che hanno raccolto le prime testimonianze, la donna invece è stata trasportata in ospedale dove gli è stata riscontrata una forte contusione al torace, guaribile con 21 giorni di riposo e cure mediche.

Nel frattempo l’aggressore si era allontanato verso sud a bordo del natante: dopo circa 20 minuti, pensando di passare inosservato, si è diretto verso riva ma qui è stato bloccato e arrestato dai militari che, nel frattempo, avevano seguito i suoi spostamenti dalla spiaggia. Dai primi accertamenti è emerso che l’uomo, già in passato, si era reso responsabile di episodi violenti nei confronti della ex, fatti regolarmente denunciati ai carabinieri di Ostia.

La Redazione

Altri videonews di Cronaca

Movida troppa violenta, chiuso un locale a San Lorenzo

Furia omicida in ascensore a Brooklyn, bimbo accoltellato a morte. E’ caccia al killer

Scacco matto ai vigili di Cortina, da 10 anni intascavano i soldi delle multe

Print Friendly, PDF & Email
Share.