‘Froci, di merda, vi diamo fuoco’: lancio di escrementi contro le prove teatrali a Di’Gay Project

2

(MeridianaNotizie) Roma, 27 giugno 2014 – La sera del 25 giugno, presso la sede dell’Associazione Di’Gay Project (DGP) in via Costantino 82 (zona San Paolo), un gruppo di giovani romani tra i quindici e i quarant’anni ha fatto irruzione durante le prove teatrali del Laboratorio di Maria Chiara Cucinotta, lanciando escrementi, cassette di legno, bastoni, ortaggi al grido di: ‘Vi diamo fuoco, froci di merda: meritate di morire.’ I ragazzi, terrorizzati e colti alla sprovvista, sono istintivamente usciti e i balordi si sono dati alla fuga. Questa mattina è stata immediatamente sporta denuncia alle autorità di pubblica sicurezza ed è stata attivata Valentina Ciaramella, legale dell’Associazione.

‘Oltre il momento iniziale di vero panico – dichiara Maria Chiara Cucinotta, che ha raccontato i fatti – vorrei rappresentare a nome di tutti i ragazzi aggrediti il dolore e l’indignazione che proviamo. Tra l’altro, l’attacco a sfondo omofobo ha colpito un bersaglio eterogeneo perfettamente autointegrato, in quanto il nostro gruppo è composto da attori, anche eterosessuali, che lavorano per i diritti indipendentemente dall’orientamento sessuale, secondo lo spirito dell’Associazione DGP. Non abbiamo subito danni fisici o strutturali, ma nel cuore certamente sì. Amiamo fare le prove in sede e il nostro è un lavoro che fonda la sua anima nella condivisione e nell’uguaglianza. Non ci faremo intimidire. Stasera saremo di nuovo lì, tutti’.digay-project1

‘Questo è il primo attacco alla nostra sede in tredici anni di attività – dichiara la consigliera SEL Imma Battaglia, presidente onorario DGP – proprio in concomitanza con l’approvazione a Roma della delibera sul testamento biologico e in prospettiva del registro sulle unioni civili. Sollevo ancora una volta il tema dell’emergenza omofobia e sicurezza, che devono essere una priorità nelle politiche nazionali e territoriali. Anche per questo con il gruppo SEL capitolino abbiamo chiesto al sindaco un incontro per discutere di proposte e soluzioni da mettere in atto con urgenza’.

‘Solidarietà ai nostri ragazzi – conclude Maria Laura Annibali, presidente DGP – per l’ignobile attacco che offende il valore di un impegno a forte valenza sociale e comunitaria. L’aggressione va a sommarsi ad altri episodi che si sono recentemente verificati nel municipio della nostra associazione. Evidentemente sul tema della sicurezza dobbiamo sollecitare un’azione più capillare ed integrata, anche a difesa del nostro lavoro contro ogni forma di discriminazione’.

La Redazione

Altre videonews di Cronaca

Il terrore della Colombo viaggia in smart, abbordava lucciole per poi rapinarle. L’ illegalità nell’illegalità

Innamorata cronica tampina l’ex, per riconquistarlo 5mila mess minacce ai genitori e fuoco alla macchina

Spacciavano droga offrendola al “primo venuto”, 4 pusher in manette

Print Friendly, PDF & Email
Share.