Fuoco e fiamme alle auto dei parenti della ex, a volte rassegnarsi è difficile

1

(MeridianaNotizie) Roma, 12 giugno 2014 – Ennesimo episodio di violenza da parte di un uomo, sfociato in aggressione ai parenti e alla madre della ex compagna. A finire in manette un 26enne romano. Il giovane, non nuovo ad episodi del genere, è finito in manette nella serata di ieri quando, a seguito di una segnalazione per lite violenta giunta al 113, gli agenti del Reparto Volanti sono intervenuti in zona di San Basilio ed hanno trovato l’uomo in lite con altre persone.++ MUORE PER OVERDOSE, FIGLIA 10 ANNI CHIAMA POLIZIA ++

Sentite le parti, gli investigatori hanno ricostruito l’intera vicenda, fatta di soprusi, minacce e danneggiamenti, che l’arrestato aveva messo in atto da quando si era conclusa la relazione con la ex compagna. Ieri sera, al culmine dell’ennesima aggressione e delle percosse, questa volta rivolte alla madre ed agli altri familiari della donna perseguitata, l’uomo ha anche incendiato la loro auto. Al termine degli accertamenti, pertanto, è stato arrestato. Gravi le accuse nei suoi confronti. Oltre che di lesioni e minacce dovrà rispondere anche del reato di incendio doloso e del porto abusivo di un cacciavite, usato per intimorire le vittime.

La Redazione

Altre videonews di Cronaca

Bufera PD, in 13 si autosospendono: grave il rensismo-stalinismo. Violato l’art. 67

Print Friendly, PDF & Email
Share.