La ludoteca di via Silveri non deve chiudere, genitori e politici si schierano a favore per i bambini del quartiere Fornaci

2

I bambini che frequentano settimanalmente la struttura durante il periodo invernale pomeridiana sono circa 80 mentre nel periodo estivo, con il centro estivo, si arriva fino a 150 bambini.

(MeridianaNotizie) Roma, 24 giugno 2014 – “La ludoteca di via Silveri non deve chiudere” questo lo slogan con cui i genitori dei bambini che frequentano la ludoteca municipale nel cuore del quartiere “Fornaci” hanno manifestato di fronte alla struttura che da anni eroga un servizio essenziale per il territorio. Infatti dopo la proroga dell’affidamento alla cooperativa che gestiva il servizio da tre anni, il 30 giugno la ludoteca dovrà chiudere i battenti dato che non ci sono ad oggi i fondi necessari per rinnovare l’affidamento della gestione di questo spazio e garantirne così la continuità. Alla manifestazione hanno partecipato il Consigliere Capitolino Marco Pomarici ed i consiglieri municipali Raimondo Fabbri e Maria Gemma Di Trocchio“.IMG-20140624-WA0000

“E’ impensabile che per tale servizio, nelle pieghe del bilancio capitolino, non si reperiscano i fondi necessari alla prosecuzione dell’attività. Cosi i consiglieri Pomarici, Fabbri e Di Trocchio. “Ad oggi –  continuano – il Municipio non sta dando garanzie di prosecuzione se non verranno trovati i fondi e comunque l’intenzione del Presidente Mancinelli è di chiudere il 30 giugno con gli inevitabili disagi per le famiglie dei piccoli frequentatori. Se ci sono i soldi per la scolarizzazione dei Rom devono esserci anche per garantire l’apertura della ludoteca di Via Silveri. E’ pronta una mozione che verrà presentata e discussa in Assemblea Capitolina in questi giorni. La mobilitazione non si interrompe oggi e continuerà finchè non saranno date garanzie alle famiglie e soprattutto ai bambini” hanno concluso i consiglieri Pomarici, Fabbri e Di Trocchio.

La Redazione

Altre videonews di Cronaca

Concerto Rolling Stones, Codacons provoca il Comune: per il concerto di Madonna paghiamo noi

Caccia grossa tra Calabria e Lazio, in manette 54 affiliati della cosca Molè. Duro colpo dei Ros alla ‘Ndrangheta

Print Friendly, PDF & Email
Share.