La moglie lo lascia e per convincerla a tornare rapisce la figlia: in due arrestati dalla polizia

2

(MeridianaNotizie) Roma, 23 giugno 2014 – Già detenuto per altri reati, con la complicità dei propri familiari, un romeno di 27 anni, dal carcere, ha organizzato e ordinato il rapimento della figlia minore di un anno appena, per costringere la sua ex convivente a tornare con lui. Il 6 aprile scorso, effettivamente, la minore è stata sottratta alla madre. Il giorno dopo, un “commando” composto da diverse persone si è recato sotto casa della donna cercando di fare irruzione nell’appartamento. Non riuscendo nell’intento per il provvidenziale intervento di alcune volanti della Polizia, giunte sul posto a seguito di una segnalazione anonima al 113, i malviventi, prima di fuggire, hanno minacciato di ritorsioni la donna qualora avesse denunciato alle forze dell’ordine il rapimento della bambina. Dopo la denuncia  agli agenti del Commissariato Celio,  con la quale la donna  ha messo al corrente gli investigatori  di un possibile espatrio della piccola in Romania, sono subito scattate le indagini.polizia

Venuti a conoscenza del numero delle due utenze telefoniche intestate all’uomo, gli agenti hanno monitorato per giorni il traffico telefonico dello straniero, scoprendo che nel periodo tra gennaio e aprile aveva perseguitato la donna con più di 16.000 contatti. Molte altre telefonate, invece, dirette verso i familiari, gli erano servite con ogni probabilità per dare istruzioni alla sorella su come organizzare il rapimento della piccola e come farla espatriare in Romania. Dalle intercettazioni telefoniche gli investigatori sono riusciti a scoprire il coinvolgimento anche di un’altra sorella del 27enne, alla quale l’uomo aveva dato istruzioni per far risultare, con l’inganno, che la bambina rapita fosse ancora in Italia.  Questo per poter dimostrare che la stessa era stata abbandonata dalla madre e quindi chiederne l’affidamento esclusivo al Tribunale per i minori di Roma.

Facendole fare un falsa attestazione, infatti, aveva detto alla donna di organizzare una visita in carcere con la propria figlia, facendola passare per la bambina rapita. A seguito delle indagini svolte dalla Polizia, che hanno coinvolto, oltre agli investigatori del Commissariato di Celio,  anche quelli dell’Ufficio di Polizia di Tivoli,  le prove raccolte hanno consentito l’emanazione, da parte del G.I.P. del Tribunale di Tivoli, di un nuovo provvedimento cautelare per l’ex convivente della vittima, S.I.P., notificatogli direttamente in carcere  e per la sorella S.E.P. Per entrambi l’accusa è di sequestro di persona in concorso.Denunciata invece l’altra congiunta, alla quale era stato dato mandato di comprovare, con false attestazioni, la presenza della bambina in Italia, e un altro fratello, ritenuto dagli investigatori l’artefice del blitz a casa della vittima la sera del 7 aprile. Per la minore invece, che dopo il rapimento è stata fatta espatriare in Romania ed affidata ai nonni paterni, sono in corso le procedure di rimpatrio.

La Redazione

Altre videonews di Cronaca

Ancora controlli al Pigneto, in manette tre pusher pizzicati all’opera

I piccoli del Bambino Gesù salpano in mare aperto, tre spedizioni contro cancro autismo ed epilessia

Convivere è peggio che uccidere, frase choc del parroco di Cameri

Print Friendly, PDF & Email
Share.