Maltempo, voragine sulla Tuscolana, alberi caduti al Colosseo e allagato il Lungotevere Aventino

1

Resta allagata via dei Fori Imperiali, cui si aggiunge lungotevere Aventino, circonvallazione Nomentana nei pressi del civico 398, viale Romania, via di Pietralata, via Prenestina nei pressi di via Togliatti e di via Manfredonia, via della Fattoria di Torrenova, via del Mandrione, via Ostiense nei pressi dell’università di RomaTre, via del Tintoretto nei pressi del civico 432, circonvallazione Gianlicolense all’altezza del cavalcavia

(Meridiana Notizie) Roma, 16 giugno 2014- Continuano gli allagamenti e le cadute di alberi nella capitale. In particolare si registrano nuovi alberi a terra in via Nicola Salvi, alle spalle 602-0-20111020_095037_D63BB420del Colosseo. Poi sul tetto di un’edicola in via Camozzi all’incrocio con via Silvio Pellico. Alberi sono caduti anche su autovetture in sosta in via Caposile, in piazzale della Radio, in via Lorenzo Valla. Alberi sono invece precipitati in strada senza colpire persone o cose in via Pietralata 199, in via Pandosia 38, in viale Shakespeare 77, in via Barsanti 30, in via dei Quattro Venti e in via Bolognesi.

Resta allagata via dei Fori Imperiali, cui si aggiunge lungotevere Aventino, circonvallazione Nomentana nei pressi del civico 398, viale Romania, via di Pietralata, via Prenestina nei pressi di via Togliatti e di via Manfredonia, via della Fattoria di Torrenova, via del Mandrione, via Ostiense nei pressi dell’università di Roma Tre, via del Tintoretto nei pressi del civico 432, circonvallazione Gianlicolense all’altezza del cavalcavia. Nuove voragini si sono aperte in via Alberto da Giussano e in via Leopoldo Micucci. Tracimato un canale in via Ardeatina nei pressi della Fondazione Santa Lucia.

La Redazione

Altri videonews di Cronaca

Estate Romana no ma Rom Pride si, al via la protesta: tutti contro Marino

Teneva 400 g di marijuana sottovuoto nascosta in camera da letto. Arrestato operaio e denunciata la compagna

Maltempo Roma, la Protezione Civile è all’opera ma i disagi rimangono troppi: indagherà la Procura

Print Friendly, PDF & Email
Share.