Soccorso aereo e terreste, dalla Regione Lazio il “Piano Vacanze 2014” per un litorale più sicuro

4

(MeridianaNotizie) Roma, 13 giugno 2014 – “Al via il piano litorale sicuro 2014. Il progetto elaborato dall’Ares mette in campo 27 nuovi mezzi in rinforzo in più rispetto a quelli già in servizio in tutte le postazione dispiegate lungo i 300 chilometri delle coste laziali, oltre a laghi e postazioni montane. Le 27 ambulanze aggiuntive stazioneranno presso stabilimenti balneari, campeggi, piazzole di sosta lungomare. Potenziata anche la presenza dei mezzi Ares su Roma, il Terminillo, Ventotene e vicino ai laghi“. Lo comunica, in una nota, la Regione Lazio. estate-regionelazio1

“Il piano, che prevede l’implementazione di uomini e mezzi presso le località turistiche della regione, è in vigore dal 15 giugno e sarà attivo fino al 16 settembre – prosegue la nota – Il servizio sarà attivo dalle 9 alle 21 circa e sarà prolungato fino alle 24 nelle giornate di maggiore afflusso turistico. Il coordinamento operativo sarà gestito dalle Centrali Operative 118 provinciali, competenti per territorio. Nei mesi di luglio e agosto del 2013 i mezzi dell’Ares sul litorale del Lazio hanno compiuto oltre 15mila interventi. Determinante per garantire sicurezza e capacità di pronto intervento nelle località balneari, lacustri e montane dalle nostra Regione, è l’operatività 24 ore su 24 del servizio di elisoccorso. Le tre eliambulanze allestite su elicotteri AW 109, Pegaso 21 di stanza a Roma e operativa anche per interventi notturni, Pegaso 33 che invece garantisce la copertura del litorale nord e dell’area reatina, e Pegaso 44 che dalla base di Latina assicura copertura sulle isole e litorale sud. I mezzi sono operativi entro 5 minuti dalla chiamata e sono in grado di atterrare praticamente ovunque anche sulle spiagge, mentre il mezzo dotato del verricello permette il recupero di feriti anche in zone impervie”.

“Per la realizzazione del “Piano Estivo 2014” – conclude la nota – la Direzione Strategica di ARES 118 ha valutato i seguenti parametri: Analisi del territorio e dei fattori di rischio di ciascuna provincia; Analisi delle necessità sanitarie dei siti turistici a maggior afflusso di visitatori; Analisi dei soccorsi degli anni precedenti in rapporto a: numero e tipologia, giorni settimanali…; Costi sostenuti nella realizzazione dei Piani Estivi degli anni precedenti”.

La Redazione

Altre videonews di Lazio Regione

10 mln contro le mallatie rare, Regione Lazio e Cnr insieme per banca dei composti chimici ad uso terapeutico

Ticket sanitario al +65% in sei anni e tempi di attesa sempre più lunghi, nel Lazio si preferisce la libera professione

VIDEO > Arriva la fatturazione elettronica nel Lazio. E’ la prima regione in Italia ad utilizzarla

Print Friendly, PDF & Email
Share.