VIDEO > Cinema e psichiatria, al Day Hospital de La Sapienza la settima arte diventa una terapia

1

Il Day Hospital presenta attraverso un convegno un’arteterapia composta dalla visione e commento di un film, nell’ambito di una psicoterapia di gruppo

(MeridianaNotizie) Roma, 26 giugno 2014 – Dai tempi di Freud con “Io ti salverò”, un omaggio alla psicoanalisi firmato Hitchock, fino ad arrivare a pellicole più recenti come “Qualcuno volò sul nido del cuculo” e “Ragazze interrotte”, il tema della psichiatria risulta da sempre legato al mondo del cinema. I rapporti tra le due discipline sono sempre stati stretti, basti pensare ad a registicinema 1 dotati di specifiche conoscenze nel settore psicoanalitico, come Federico Fellini.

Ma la settima arte può essere utilizzata anche a scopo terapeutico. Ne sono convinti i medici del Day Hospital psichiatrico dell’Università di Roma La Sapienza, promotori di un’arteterapia composta dalla visione e commento di un film, nell’ambito di una psicoterapia di gruppo. “E i risultati registrati sono positivi” spiega la dottoressa Maria Antonietta Coccanari de’ Fornari, responsabile del Day Hospital di Psichiatria. “Spaziamo tra diversi generi cinematografici, ma cerchiamo sempre una pellicola che abbia situazioni cariche di emozioni, permettendo una partecipazione e una condivisione. Le sceneggiature migliori sono quelle dove sono presenti delle situazioni nelle quali il paziente può rispecchiarsi” spiega il professore Massimo Biondi, direttore dell’area di salute Mentale del Policlinico Umberto I.

 Il servizio di Simona Berterame

Altre videonews in Sanità:

I piccoli del Bambino Gesù salpano in mare aperto, tre spedizioni contro cancro autismo ed epilessia

VIDEO > Trapianti, record all’Umberto I: dal 1966 realizzati oltre 3000 interventi

VIDEO > Renato Zero e Gino Paoli al Bambino Gesù, donato un microscopio al reparto oncoematologico

Print Friendly, PDF & Email
Share.