Hackerato l’account Facebook del Papa, insulti e bestemmie in arabo come post

0

(MeridianaNotizie) Roma, 7 luglio 2014  – Hacker di chiara fede islamica hanno preso il controllo della pagina italiana Facebook dedicata a Papa Francesco. Non si tratta del social ufficiale del Santo Padre, visto che il Vaticano utilizza solo l’account twitter @pontifex. La pagina ha però un discreto seguito visto che sono oltre 1,3 milioni gli utenti collegati ad essa. Dal pomeriggio si leggono insulti e bestemmie in arabo oltre a una serie di foto che inneggiano all’islam e contro Israele. Sulla pagina Facebook si potevano leggere i messaggi del pontefice. Tweet, stralci di omelie, pensieri tratti dai discorsi da lui pronunciati, fotografie. Dal primo pomeriggio questa pagina Facebook è stata presa d’assalto dagli hacker. Scritte in arabo nella copertina e in numerosi post; anche bestemmie e immagini irriverenti, insulti dai toni jihadisti, invadono la pagina che fino ad oggi ha invece aggiornato quotidianamente oltre 1,3 milioni di followers sulle iniziative del pontefice. papa-hackerato2

Anche sabato era stata aggiornata con il viaggio pastorale del Papa in Molise e la foto “postata” era quella del pranzo alla Caritas di Campobasso. Facebook rimuove la pagina – Dopo molte segnalazioni giunte dagli utenti, Facebook ha deciso di rimuovere la pagina in questione prendendo la classica decisione salomonica: non è stata restituita al legittimo proprietario ma nemmeno si è data la possibilità agli intrusi di continuare a lanciare i loro messaggi. Passano pochi minuti e finalmente la pagina torna online nelle mani dei legittimi proprietari che eliminano tutti i messaggi blasfemi e si scusano con tutti i loro lettori.

La Redazione

Altre videonews di Cronaca

Tunnel della Manica, l’eurostar rimane bloccato tra Folkstone e Calais

Battibecchi online tra Bruno Vespa e Ignazio Marino, il conduttore: “mi vergogno di vivere a Roma”

VIDEO > 42 mln evasi e 36 portati a San Marino, due imprenditori ciociari frodano il fisco con conti oltre confine

Share.

Comments are closed.