VIDEO > Duro colpo a “cosa nostra”, sequestrati a Stefano Parra beni per 360 mln di euro

2

La Dia di Palermo ha dato esecuzione ad un provvedimento di sequestro di beni riconducibili a Stefano Parra, 47 anni, imprenditore di Partinico (Pa) del settore delle cave, del calcestruzzo ed edile, condannato per mafia. Il valore del patrimonio sequestrato è di oltre 360 milioni di euro. Tra i beni cave, società, immobili, rapporti finanziari.

(MeridianaNotizie) Roma, 18 luglio 2014 – Parra era già stato arrestato nel 2000 perché aveva consegnato circa 5 Kg di esplosivo ed alcuni metri di miccia a lenta combustione ad emissari di “cosa nostra”, presso la cava di Montelepre (PA) di proprietà di Leonardo D’arrigo, classe 1930, esponente di rilievo della consorteria mafiosa del territorio di Partinico, suocero dello stesso Parra. L’esplosivo in argomento era stato utilizzato per far brillare una caverna, nella quale erano stati occultati i cadaveri di alcuni personaggi, assassinati ad opera di affiliati della citata “famiglia” mafiosa.dia-cosanostra1

Nel provvedimento restrittivo Stefano Parra, insieme ad altri sodali, veniva indicato quale personaggio che, nella sua qualità di socio o titolare di aziende operanti nel settore edile, era in grado di pilotare l’aggiudicazione di appalti pubblici nei comuni di Montelepre, Borgetto e Partinico, attraverso il collaudato sistema della preventiva consegna ai titolari delle aziende stesse, delle buste contenenti le offerte presentate dalle altre imprese che partecipavano alle varie gare d’appalto, violando quindi, con il citato “modus operandi”, l’esito finale delle stesse. Al Parra vengono contestati infatti anche numerosi episodi di turbativa d’asta, relativi all’aggiudicazione di appalti  pubblici in quei comuni.

La Redazione

Altre videonews di Cronaca

VIDEO > Mare Nostrum, in due giorni soccorsi 3510 migranti

VIDEO > Scoperti coralli vivi nel mar ligure, le spettacolari immagini della Marina Militare

VIDEO > Operazione Cilea, da Roma a Reggio Calabria per rubare nelle abitazioni

Print Friendly, PDF & Email
Share.